Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

La guerra di Daesh in Afpak

Il progetto del Khorasan come nuova regione del Califfato di Al Baghdadi

Emanuele Giordana

Mercoledi' 20 Maggio 2015

Esiste un pericolo Daesh in Afghanistan e Pakistan? A sentire il presidente afgano Ashraf Ghani, non solo esiste ma sottovalutarlo sarebbe molto rischioso. Quanto al Pakistan, il ministero degli Esteri di Islamabad il 25 febbraio scorso ne ha ammesso l'esistenza ma solo venti giorni dopo, a metà marzo, il capo della diplomazia pachistana Nisar sosteneva che non c'è traccia di Stato islamico nel Paese dei puri. Se esercita un fascino sui talebani pachistani (secondo un rapporto del governo provinciale del Belucistan dell'ottobre 2014 il califfato aveva tentato il reclutamento di 3mila guerriglieri) i cugini afgani, nemici giurati del califfato per questioni ideologiche, teologiche, strategiche e di concorrenza, ne hanno una pessima opinione ma non lo hanno mai censurato apertamente sino a qualche giorno fa quando – in una riunione congiunta a Doha con inviati del governo afgano – ne hanno preso ufficialmente le distanze. Cerchiamo di mettere un po' d'ordine partendo proprio dalla riunione, organizzata da Pugwash (organismo non governativo canadese) in una località balenare vicino alla capitale del Qatar, cui ha partecipato, agli inizi di maggio, una delegazione di venti inviati di Kabul (tra cui tre donne), otto inviati della shura di Quetta, il Gran consiglio talebano che fa capo a mullah Omar, rappresentanti dell'Hezb-e-islami (dell'ex signore della guerra Gulbuddin Hekmatyar).


Continua a leggere su AspeniaOnline



Powered by Amisnet.org