Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


“PECCATO MORTALE SFRUTTARE CHI LAVORA”

Perugia Assisi l'appello di Tavola e Rete della pace

La guerra di Mario

La lunga scia di droni e ostaggi

Dalle trincee della Grande Guerra un appello per il diritto alla pace

ERAVAMO IN CENTOMILA, GRANDI NUMERI ALLA PERUGIA ASSISI

IL 19 OTTOBRE TORNA LA PERUGIA-ASSISI

CHIUDERE I CIELI AI CACCIA ISRAELIANI

TSAHAL SARDEGNA, SI INFIAMMA LA POLEMICA

TSAHAL IN SARDEGNA? LA DIFESA SI SMARCA

AEREI DI TSAHAL SUI CIELI DI SARDEGNA

L'AUSPICABILE RITORNO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE, UNA LETTERA A JEFFREY SACHS SUL

UN AEREO DI CARTA CONTRO GLI F-35 15/7/13

COLOMBA DI PACE A PAOLA CARIDI 2/7/13

ARMARE LA PACE? UNA RIFLESSIONE SULLE PAROLE DEL MINISTRO 30/6/13

IL 19 OTTOBRE TORNA LA PERUGIA-ASSISI

Stamane a Roma la conferenza stampa di presentazione
Nella foto da sn: Siddi, Zanotelli, Lotti, Ferrari (Enti locali per la pace), Marincola (Articolo 21) e Tosolini

Lettera22

Mercoledi' 10 Settembre 2014

Come sindaci o semplici cittadini, lavoratori o disoccupati, pensionati e stranieri partiranno da 480 città di ogni parte d’Italia per dar vita, come da anni a questa parte, alla Marcia PerugiAssisi per la pace e la fraternità nata dalla volontà di Aldo Capitini 53 anni fa. Cento scuole e cento giovani animeranno il lungo corteo che si snoderà verso Assisi per chiudere l’'epoca della Grande Guerra. Cento Enti Locali lanceranno dalla Basilica di San Francesco un nuovo appello per il riconoscimento della pace come diritto umano fondamentale. 763 le adesioni sino ad oggi pervenute.

“"La pace è in pericolo e il 19 ottobre vogliamo lanciare un forte segnale d’allarme", dice Flavio Lotti, coordinatore della PerugiAssisi, che ha introdotto oggi la Conferenza stampa che si è tenuta questa mattina a Roma, alla Federazione Nazionale della Stampa Italiana. "Dobbiamo - aggiunge - denunciare il pericoloso tentativo di rilegittimare la guerra come strumento inevitabile".”

"“La Perugia Assisi sarà per noi un giorno di scuola” - dice Aluisi Tosolini, dirigente scolastico e coordinatore della Rete delle Scuole di Pace - per dare avvio a un nuovo programma di educazione alla cittadinanza democratica che, a cento anni dalla prima guerra mondiale, vuole chiudere 100 anni di guerre e inaugurare 100 anni di pace. Perché la pace ha bisogno di una nuova cultura, si insegna, s’i imparare e si vive. A partire dalla scuola".” Franco Siddi, presidente della Fnsi, si è augurato che i media siano più attenti alla Marcia, manifestazione spesso poco seguita come in genere le attività di pace.

C'è anche chi ha preso le distanze. Il Movimento Non violento ad esempio non parteciperà: "L'Appello per la Perugia-Assisi – la cui stesura non è stata condivisa con alcuna delle organizzazioni associative, culturali, sindacali, che da sempre animano la Marcia della Pace - è del tutto generico e superficiale, e non tiene conto del ritorno violento della guerra come continuazione della politica con altri mezzi".
Anche l'Agesci ha fatto sapere che non parteciperà.

Per saperne di più vai al sito Perlapace



Powered by Amisnet.org