Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


“PECCATO MORTALE SFRUTTARE CHI LAVORA”

Perugia Assisi l'appello di Tavola e Rete della pace

La guerra di Mario

La lunga scia di droni e ostaggi

Dalle trincee della Grande Guerra un appello per il diritto alla pace

ERAVAMO IN CENTOMILA, GRANDI NUMERI ALLA PERUGIA ASSISI

IL 19 OTTOBRE TORNA LA PERUGIA-ASSISI

CHIUDERE I CIELI AI CACCIA ISRAELIANI

TSAHAL SARDEGNA, SI INFIAMMA LA POLEMICA

TSAHAL IN SARDEGNA? LA DIFESA SI SMARCA

AEREI DI TSAHAL SUI CIELI DI SARDEGNA

L'AUSPICABILE RITORNO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE, UNA LETTERA A JEFFREY SACHS SUL

UN AEREO DI CARTA CONTRO GLI F-35 15/7/13

COLOMBA DI PACE A PAOLA CARIDI 2/7/13

ARMARE LA PACE? UNA RIFLESSIONE SULLE PAROLE DEL MINISTRO 30/6/13

TSAHAL IN SARDEGNA? LA DIFESA SI SMARCA

Una nota di via XX Settembre prende le distanze dal possibile arrivo degli avieri israeliani. "Non ancora deciso e comunque solo azioni simulate"

Venerdi' 1 Agosto 2014

E' una vera e propria marcia indietro quella contenuta in una nota della Difesa a proposito dell'esercitazione militare “Vega” che si svolgerà in Sardegna e per la quale è in agenda la partecipazione dell'aviazione israeliana. Esercitazione che, dopo o la bufera innescata dalla divulgazione della notizia, apparsa prima sull'Unione Sarda, ma poi anche su ilmanifesto, Il Fatto, l'Huffington Post, Il Giornale e così via tra siti, blog e twitter, si è trasformata in una vera e propria patata bollente per il governo e la ministro Pinotti.

La nota spiega che l'esercitazione non prevede né bombardamenti né che si apra il fuoco e, soprattutto, che il programma delle esercitazioni che si svolgeranno in Sardegna nel secondo semestre del 2014 non è stato ancora approvato dallo Stato Maggiore della Difesa e quindi comunicato al vertice del Dicastero.

Insomma, dice Via XX Settembre, l'esercitazione si farà ma la fase di pianificazione non è stata ancora completata, cosa che avverrà a settembre e solo allora "verranno confermate le nazioni partecipanti" a quelle che, 
secondo il ministero, saranno solo simulazioni elettroniche. 


Malignamente aggiungiamo che non ci sarebbe da stupirsi se Israele declinasse l'invito, magari dopo qualche pressione diplomatica. Certo è un modo piuttosto bizzarro di spiegare come stano le cose e se l'Italia intenda o meno ospitare gli stessi avieri che magari in queste ore sono al lavoro su Gaza. La ministra tace forse per nascondere un certo imbarazzo. La patata bollente per adesso è finita in mano al suo ufficio stampa. Che, pare di capire, per ora sostiene che se mai gli israeliani venissero a Capo Frasca sarebbe solo per fare qualche ora di volo sull'isola. Turismo, non guerra. Al massimo videogame.



Powered by Amisnet.org