Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


“PECCATO MORTALE SFRUTTARE CHI LAVORA”

Perugia Assisi l'appello di Tavola e Rete della pace

La guerra di Mario

La lunga scia di droni e ostaggi

Dalle trincee della Grande Guerra un appello per il diritto alla pace

ERAVAMO IN CENTOMILA, GRANDI NUMERI ALLA PERUGIA ASSISI

IL 19 OTTOBRE TORNA LA PERUGIA-ASSISI

CHIUDERE I CIELI AI CACCIA ISRAELIANI

TSAHAL SARDEGNA, SI INFIAMMA LA POLEMICA

TSAHAL IN SARDEGNA? LA DIFESA SI SMARCA

AEREI DI TSAHAL SUI CIELI DI SARDEGNA

L'AUSPICABILE RITORNO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE, UNA LETTERA A JEFFREY SACHS SUL

UN AEREO DI CARTA CONTRO GLI F-35 15/7/13

COLOMBA DI PACE A PAOLA CARIDI 2/7/13

ARMARE LA PACE? UNA RIFLESSIONE SULLE PAROLE DEL MINISTRO 30/6/13

AEREI DI TSAHAL SUI CIELI DI SARDEGNA

Gli eserciti di Israele e d'Italia si eserciteranno assieme sui cieli della Sardegna a partire dal 21 settembre prossimo, nel quadro di attività pianificate sull'isola come spiega il "Programma per il secondo semestre 2014" preparato dal ministero della Difesa

Emanuele Giordana

Giovedi' 31 Luglio 2014

Per migliorare le prestazioni degli avieri israeliani, che in questi giorni sono in piena attività sui cieli di Gaza, Tsahal e l'esercito italiano si eserciteranno assieme sui cieli della Sardegna a partire dal 21 settembre prossimo, nel quadro di attività pianificate sull'isola come spiega il "Programma per il secondo semestre 2014" preparato dal ministero della Difesa. La notizia, uscita giorni fa in un articolo a firma Enrico Fresu sull'Unione Sarda, ha scatenato una reazione che, dal web alla giunta regionale, registra assai più che un malumore per una tempistica assai poco opportuna e perché va a innestarsi su una vecchia polemica: quella sulle “servitù militari” dell'isola tanto che a giugno il Comipa (Comitato misto paritetico sulle servitù militari, tavolo istituzionale istituito nel 1976 per conciliare i programmi delle installazioni militari con i piani territoriali regionali) aveva già bocciato il calendario dei programmi di addestramento per il secondo semestre del 2014 in polemica con lo Stato maggiore. Ma alla calma che regnerà nel periodo estivo fino alla terza decade di settembre, si affiancherà tra meno di due mesi l'esercitazione congiunta con le forze armate israeliane che rientra nelle attività previste tra i due Paesi da una legge del 2005.

Sulle esercitazioni (chi insegnerà a chi?) il documento è parco di notizie ma dice che gli israeliani voleranno con caccia F15 e F16 su Capo Frasca (costa centro occidentale) assieme ad altri aerei (dagli Amx ai Mirage) di vari alleati dell'Italia. Sganceranno “artifizi” inerti - come si chiamano in gergo – che possono arrivare a 1 tonnellata di peso tanto che il documento allerta le capitanerie. La collaborazione con Tsahal – che se non altro almeno per motivi di “opportunità” appare del tutto fuori tempo e luogo - va dunque oltre il servizio appena reso dall'Alenia Aermacchi a Tel Aviv con la consegna, il 9 luglio scorso nella base aerea israeliana di Hatzerim, dei primi due velivoli da “addestramento avanzato” prodotti per la Israeli Air Force e che andranno a sostituire i TA-4 attualmente in servizio. Altri sei M-346 LAVI per la Iaf sono già in fase avanzata di assemblaggio finale mentre altri 5 velivoli sono nella fase di montaggio delle parti strutturali. Entro il 2016 è prevista la consegna dei 30 velivoli ordinati in totale.

La Sardegna ospita oltre il 60% delle “servitù militari” italiane (su un'area di 35mila ettari) e diversi centri e poligoni tra cui alcuni tra i più grandi d’Europa. Le polemiche sono in corso da tempo sia per motivi economici (danni al turismo) sia per motivi ambientali per la contaminazione, anche da sostanze radioattive, di una vasta area del territorio dell'isola che ospita strutture e infrastrutture di cui si serve, oltre alla Difesa italiana, anche la Nato: soltanto i poligoni sono sette di cui quattro permanenti - Perdasdefogu, Capo Frasca, San Lorenzo e Teulada - e tre occasionali – Iglesias, Cagliari e Macomer. Nel 2006 il Comipa ha bocciato i progetti presentati dalle autorità militari per la realizzazione di una pista tattica a Quirra (sito già noto per il forte inquinamento ambientale), la costruzione di una recinzione a Macomer e l'imposizione di servitù militari a protezione dell'impianto di Serrenti e del Monte Limbara.


Questo articolo è uscito oggi su il manifesto online. Commentalo su Great Game il blog di Emanuele Giordana



Powered by Amisnet.org