Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

AFGHANISTAN, PAESE DI POETI

Nel reportage per l'edizione del 28 giugno di pagina99, il nostro Giuliano Battiston racconta limiti e potenzialità del fare cultura in Afghanistan

Giuliano Battiston

Lunedi' 7 Luglio 2014
KABUL

“Poesia, musica, graffiti, cinema, teatro, qui a Kabul puoi trovare di tutto, basta saper cercare”. Volto plastico e cinematografico, il fisico asciutto nascosto dall’immancabile completo a righe, Timur Hakimyar non ha dubbi: Kabul è una città che “produce cultura, oltre che politica e corruzione”. Hakimyar è il direttore della Foundation for Culture and Civil Society, una delle tante associazioni nate su impulso della comunità internazionale dopo che i barbuti talebani sono stati rimossi dal potere, manu militari. Basta frequentare con una certa assiduità la decadente villa che ospita la fondazione culturale di cui è direttore per dare ragione ad Hakimyar, attore, regista, già portavoce dell’associazione nazionale degli artisti afghani. Un giorno capita di incontrare il regista Siddiq Barmak, autore di Osama e di Opium war; il giorno successivo nell’ampio giardino della villa passeggia Partaw Naderi, il più importante poeta in lingua farsi di tutto il paese; nel fine settimana i ragazzi del Parwaz Puppet Theater, un gruppo fondato nel 2009, allestiscono un nuovo spettacolo di marionette, mentre a pochi passi da qui, al centro culturale francese, si susseguono proiezioni cinematografiche e mostre fotografiche in attesa del “grande evento”: il Sound Central Asia’s Modern Musica Festival, il festival musicale adorato dai ragazzini che scimmiottano i loro coetanei occidentali.

Hakimyar ha ragione: Kabul è una città che produce cultura. Ma rimane la capitale, dove è più facile trovare i finanziamenti degli stranieri, che elargiscono soldi anche per normalizzare l’occupazione militare con le attività culturali. Nelle zone periferiche, escluse dalla fitta rete di legami politici e finanziari costruiti in questi anni nella capitale, la situazione è più complicata. “Questa è l’unica tipografia di tutta la città”, racconta Qotbuddin Kohi, giornalista e attivista sociale di Maimana, capoluogo della provincia nordoccidentale di Faryab, al confine con il Turkmenistan. “Il nostro problema sono i soldi. Nel 2005 insieme ad altri colleghi ho fondato il giornale Saday-e-Mellat (La voce della nazione), ma fatichiamo a coprirne i costi. Comunque non ci scoraggiamo: per noi è importante promuovere la cultura soprattutto tra i più giovani”.

Qotbuddin Kohi lamenta il disinteresse del governo per il settore culturale, oltre che la tendenza della comunità internazionale a finanziare soltanto “scuole, ospedali, progetti concreti, come se la cultura non fosse altrettanto necessaria”. Nonostante le difficoltà di vivere in un posto di frontiera “dove circola molta droga e tanti terroristi ma pochi libri”, Qotbuddin Kohi continuerà a scrivere “e a stampare libri, con i pochi mezzi a disposizione”. Più scoraggiato sembra Kazem Amini, scrittore poliglotta, autore di raccolte di poesie e di un’interessante storia di Maimana. L’ho incontrato la prima volta quattro anni fa, quando aveva da poco fondato un settimanale culturale e la Zahiruddin Faryabi Cultural Association, “nata con l’intento di fare della cultura uno strumento di riconciliazione e di pace”. Quando l’ho rivisto, pochi mesi fa, aveva gettato la spugna: “sono venuti più volte a minacciarmi. Con i miei articoli ho denunciato le attività illegali di alcuni comandanti locali, che sottraggono le terre ai contadini con la forza. L’ultima volta hanno sparato sul portone di casa. Il settimanale per ora è chiuso, io mi limito a scrivere poesie”.

“Qui a Mazar-e-Sharif non abbiamo alcun problema. Al contrario, il nostro gruppo di lettura cresce di mese in mese”, racconta con entusiasmo Zamir Saar, fondatore della Khoshal Baba Library e lettore di lingua e letteratura pashto all’università di Balkh, nell’omonima provincia settentrionale, a due passi dall’Uzbekistan. Ospitata in un edificio a poche centinaia di metri dal celebre santuario di Hazrat Ali, la biblioteca raccoglie migliaia di libri ed è dedicata a Khoshal Khan Kattak (detto Khoshal Baba), poeta e stratega militare vissuto nel 17esimo secolo, tra i primi a invocare l’unità delle tribù pashtun contro l’impero Moghul.

“La biblioteca è diventata un punto di riferimento per tutti i poeti in lingua pashto della provincia. Ogni venerdì organizziamo un incontro in cui si recitano poesie e ci si confronta”, spiega Zamir Saar. A moderare gli incontri spesso è Barialai Jalalzai, giovane poeta e redattore di Parkha, trimestrale culturale “che ospita scritti brevi, racconti e poesie”. I ragazzi della Khoshal Baba Library si dicono convinti dell’importanza di recuperare la tradizione letteraria in lingua pashto, una delle due lingue nazionali afghane, ma non vogliono sentir parlare di discriminazioni etniche: “La poesia è un genere letterario che va praticato nella propria lingua madre. Per questo ospitiamo solo poesie in pashto. Ciò non toglie che ci interessiamo anche alla poesia in lingua farsi. L’Afghanistan è un’unica, grande nazione, composta da tribù e comunità diverse. Sono i politici a strumentalizzare le divisioni tra le comunità. La realtà è che abbiamo bisogno gli uni degli altri”, aggiunge Jalalzai.

“Certo che conosco i ragazzi della Khoshal Baba Library. Ogni tanto ci incontriamo e discutiamo di letteratura”, conferma Sadeq Hossian, un bell’uomo sulla cinquantina che all’Università di Balkh insegna Letteratura farsi, “non solo quella prodotta in Afghanistan, ma anche in Iran e Tajikistan”. Ai suoi studenti prova a “spiegare cosa abbia rappresentato la poesia negli ultimi secoli, il rapporto dei poeti con la società in cui vivevano”. Sadeq Hossian sostiene che oggi nel suo paese la poesia goda di un diffuso riconoscimento, che sia apprezzata e praticata anche nelle zone rurali, e che gran parte del merito vada attribuito a Mahmoud Tarzi, giornalista, poeta e ministro degli Esteri durante il regno di Amanullah Khan, agli inizi del Novecento. “La fondazione nel 1911 del giornale Seraj-al-Akhbar ha completamente modificato il panorama giornalistico e poetico afghano”, spiega il professor Hossian. “Prima di allora i poeti lavoravano al ‘chiuso’, in una dimensione privata, scrivevano prevalentemente per re o regine, per i notabili. Da allora, invece, la poesia si è diffusa tra la gente comune. Tarzi ha introdotto la modernità nel nostro panorama culturale”. Sadeq Hossian si dice soddisfatto dell’attuale panorama.

“Ci sono molti problemi, certo, ma soprattutto qui a Mazar c’è un vero revival della poesia, grazie ai tanti giovani che fondano riviste e circoli letterari, viaggiano all’estero, vengono tradotti”. Tra questi c’è la giovane Farkonda Rajabi, studentessa di letteratura, editor del sito Balkh Times, scrittrice e fondatrice a Mazar-e-Sharif della casa di cultura Partau, “uno spazio per le donne, dove possano sentirsi libere di esprimersi liberamente, senza timore di essere giudicate dagli uomini”, racconta Farkhonda all’interno di un giardino di Mazar riservato alle donne. “La poesia è un elemento fondamentale della nostra vita, tra le mie amiche non ce n’è una che non scriva. Pare che oggi tutti vogliano fare gli scrittori”, aggiunge sorridendo.

Strano ma vero, anche i barbuti Talebani coltivano la passione per la poesia. Lo dimostra un libro recente curato dagli studiosi Alex Strick van Linschoten e Felix Kuehn: Poetry of the Taliban. Introdotto da una puntuale prefazione di Faisal Devij, studioso dell’islamismo politico all’Università di Oxford, il libro include una serie di poesie scritte, recitate o cantate dai “turbanti neri”, dagli anni Novanta del secolo scorso fino al 2008. Ne esce un quadro sorprendente, un prezioso manuale estetico-politico del movimento degli studenti coranici, fatto di vicende quotidiane e di grandi avvenimenti, di raffinatezze poetiche e di tragiche brutalità. “Avranno pure scritto delle poesie, ma quando al governo c’erano loro non potevano riunirci liberamente”, spiega il professor Hossian, tra i fondatori della Balkh Writers Association: “sotto il regime talebano eravamo costretti a nasconderci, oggi recitiamo le nostre poesie in pubblico. Le sembra poco?”, chiede Hossian prima di tornare in classe dai suoi studenti.


anche nell'edizione cartacea di Pagina99 del 28 giugno



Powered by Amisnet.org