Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

DIARIO AFGHANO (9): PECORE DA FARCIRE, URNE DA RIEMPIRE

Scoppia il "caso Amarkhil", l'alto funzionario della Commissione elettorale che per Abdullah avrebbe favorito Ashraf Ghani. Le intercettazioni rese pubbliche sembrano avallare le accuse.

Giuliano Battiston

Sabato 21 Giugno 2014
Kabul

Pecore secche da farcire, urne da riempire. Il team di Abdullah Abdullah, il candidato alla presidenza che accusa di frodi i membri della Commissione elettorale indipendente, oggi ha reso pubbliche alcune intercettazioni telefoniche. Sarebbero la prova che il segretario della Commissione, Ziaulhaq Amarkhil, avrebbe orchestrato una truffa su scala industriale per favorire lo sfidante di Abdullah, Ashraf Ghani. “Porta le pecore in montagna e riportarle indietro ripiene”, recita il passaggio di una delle conversazioni tra un anonimo membro dello staff di Ghani e il funzionario Amarkhil. Un messaggio in codice, accusa Abdullah Abdullah, per indicare le urne da riempire di voti falsi.

In un’altra conversazione, Amarkhil parla con Safi, un alto funzionario della Commissione elettorale nella provincia di Laghman, e ancora una volta invita a “farcire in modo appropriato e senza esitazioni le pecore”. In un’altra conversazione, Amarkhil (il presunto Amarkhil) parla con un funzionario della Commissione della provincia nord-occidentale di Faryab, al confine con il Turkmenistan. “Qual è il problema?”, chiede Amarkhil. “Che in ufficio stanno tutti dall’altra parte”, replica il funzionario. “Licenziali, e rimpiazzali con uzbechi e pashtun”, suggerisce Amarkhil. La competizione elettorale in Afghanistan è anche – in parte – una competizione tra comunità etniche: Abdullah rappresenta la comunità tajika e hazara, Ghani quella pashtun e, tramite il suo “vice” Dostum, quella uzbeca.

In un’altra registrazione Serat, assistente di Amarkhil, parla invece con Ehsanullah Qamawal, già responsabile delle dogane con il Pakistan nella provincia di Nangarhar e coordinatore della campagna per Ghani in quella parte del paese. Serat dice che il “prezzo delle pecore è salito in questi giorni”, e Qamawal assicura l’interlocutore di avere a disposizione uomini fidati. Anche qui, torna la metafora-messaggio in codice delle pecore da portare in montagna e farcire. Amarkhil, sotto pressione, respinge al mittente le accuse, sostiene che a parlare non è lui, continua a rivendicare la neutralità e la professionalità sua e della Commissione per cui lavora, si dice fiducioso che Karzai non lo licenzierà.

Le intercettazioni però parlano chiaro. Se davvero si tratta di Amarkhil, le cose si mettono male, per lui e per l’intero processo elettorale. Lo staff di Abdullah insiste nel chiedere le dimissioni di Amarkhil e alza il tiro, chiedendo la ripetizione del voto almeno nelle zone orientali del paese, quelle pro-Ghani, dove la percentuali di elettori che hanno preso parte al ballottaggioavrebbe superato del 200% la percentuale primo turno, il 5 aprile. Il presidente Karzai, chiamato in causa da Abdullah, l’altro giorno ha invitato le Nazioni Unite a sbrogliare la matassa. In queste ore si accavallano le consultazioni tra i rappresentanti della missione dell’Onu in Afghanistan e i due candidati.

Difficile per ora immaginare la soluzione possibile. Silurare Amarkhil dalla Commissione elettorale sarebbe ammettere le frodi. Ammettere le frodi vorrebbe dire riconoscere che la versione fornita dai media internazionali dopo il ballottaggio del 14 giugno era solo retorica: “il primo trasferimento democratico di potere nella storia afghana” sarebbe invece una bella truffa. Probabilmente anche nel campo di Abdullah ci sono state irregolarità, brogli, pressioni indebite. Ma Abdullah è stato più abile di Ghani: ha raccolto le prove (finora non si sa come), e le ha rese pubbliche. Un elemento che getta benzina sul fuoco: sono due giorni che, qui a Kabul, i sostenitori di Abdullah scendono per strada, con cortei, manifestazioni e le tende pianta in alcuni punti strategici. Il caso Amarkhil avrà delle conseguenze serie. Il melodramma elettorale afghano è solo all’inizio. E sembrano davvero fuori luogo le replice, appena arrivate, dal team di Ghani: "le intercettazioni senza autorizzazione sono illegali, occorre fare luce", mandano a dire.

p.s. Il 5 aprile, giorno del primo turno delle presidenziali, ho visitato alcuni centri elettorali proprio con il team di Qamawal. A pranzo ci siamo fermati nella casa di un notabile locale. Ho intervistato Qamawal, che ha lodato le virtù di Ghani. Poi mi ha detto che, se avessi voluto votare anch’io, ci avrebbe pensato lui.



vai a...



Powered by Amisnet.org