Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


BANGLADESH, CACCIA AGLI ISLAMISTI

PAROLARI: DAESH RIVENDICA

In Bangladesh l'ombra di Daesh

La morte di Tavella e i progetti di Daesh in Bangladesh

RANA PLAZA UN ANNO DOPO 24/4/14

RANA PLAZA UN ANNO DOPO, LE SIGLE DA CONOSCERE 23/4/14

ASPETTANDO BENETTON 3/4/14

IO, SHILA BEGUM, NON VOGLIO BENEFICIENZA 3/4/14

TESSILE, UN FILO ROSSO SANGUE 3/4/14

BANGLADESH, C'E' UNA MACCHIA SULLA TSHIRT 26/2/14

BANGLADESH/ LA PROTESTA PER IL SALARIO MINIMO 15/11/13

BANGLADESH, L'ULTIMA PAROLA DELLA CORTE SUPREMA 18/9/13

RANA PLAZA: CHI VUOLE E CHI NO RISARCIRE LE VITTIME 11/9/13

VERSO UN FONDO PER LE VITTIME DEL RANA PLAZA 24/7/13

CHI SI E CHI NO A UN MESE DAL RANA PLAZA 25/5/13

RANA PLAZA UN ANNO DOPO 24/4/14

1138 morti, centinaia di invalidi, famiglie senza lavoro, un solo colpevole.
I grandi marchi, anche italiani, non risarciscono le vittime (la foto è tratta da Jakarta Globe)

Emanuele Giordana

Giovedi' 24 Aprile 2014

C'è una piccola fotografia che gira nelle redazioni dei giornali asiatici. E' del 2012 e raffigura un parlamentare dell'Awami League, il rampante Towhid Jung Murad, che bacia in testa Sohel Rana, il proprietario del Rana Plaza di Dacca, un palazzone malandato di otto piani più uno in costruzione che, la mattina del 24 aprile del 2013, implode su se stesso come colpito dall'urto di un terremoto. Uccide più di mille persone. Sohel, destinato nel giro di pochi giorni a cadere, come il suo palazzo, dalle stelle alla polvere, diventa il volto del cattivo accusato di strage ma, anche grazie a quella foto, emerge il dettaglio di un antico sodalizio tra e politici e speculatori, parlamentari e affaristi, “thug” (banditi) che la fanno franca grazie a chi dà una mano a far timbrare le carte. Anche quelle di palazzinari senza permessi, con materiali scadenti e una solerte rapidità edilizia che gode del grande boom che ha investito il Paese tanto da aver fatto del tessile la prima voce dell'export bangladese.

Oggi Sohel Rana però amici non ne ha più. Lui che era un giovane rampante attivista del braccio giovanile del partito al potere e che, grazie alle sue amicizie anche politiche, era diventato un ras di Savar, zona periferica della capitale, adesso fa i conti con inquirenti che sono andati a spulciare nei permessi, nelle licenze, nei pezzi di carta. Jung Murad, che un anno prima lo baciava in testa, è invece corso tra i primi sul luogo della tragedia: camicia verde ben stirata e piglio da consumato arringatore, lo si vede immortalato mentre, come un po' tutti han fatto, chiede giustizia per le vittime. Meglio tacere del fatto che Savar è il suo regno e che Rana era tra i suoi amichetti. Quella foto imbarazzante è del resto una delle tante che ha ricostruito i dettagli di quella tragedia, costata la vita a 1138 persone e che ha lasciato centinaia di malati e invalidi. Centinaia di famiglie senza impiego perché, dice oggi che lavorava al Rana Plaza, se hai quel marchio addosso non lavori più. Sohel pagherà per tutti?

Un'altra foto fa luce su altri dettagli. C'è un angolo buio che non riguarda solo il sottobosco mafioso di Savar e le sue implicazioni con la classe alta che ha i rampolli in parlamento e una manovalanza ben nutrita a presidiare il territorio. Sul luogo del delitto c'è un lato scuro, illuminato dallo scatto del reporter, che chiama in causa responsabilità che stanno a 10mila chilometri da Savar. In America, Canada, Europa. Persino a Treviso, sede della multinazionale dall'italico cuore di nome Benetton.

La foto illumina dei dannatissimi pezzi di carta: ordini, fatture, annotazioni su stoffe, asole, bottoni. Ci son nomi altisonanti con cui collaborano le fabbriche ospitate al Plaza. Illumina la globalizzazione che in Bangladesh mostra uno dei suoi lati meno eccitanti e glamour. Può succedere: che ne sappiamo di come si regola il nostro omologo a migliaia di chilometri di distanza? Ma il problema viene dopo. Ammesso, obtorto collo, di essere coinvolti nel lavoro non tanto solare che si svolgeva a ritmo continuo al Plaza, ora bisogna pagare. Qualcuno lo fa. Qualcuno no. Qualcuno firma l'accordo sulla sicurezza nelle fabbriche, qualcuno invece fa orecchie da mercante su un altro accordo che vincola le aziende a rifondere le vittime. C'è chi sceglie la strada individuale: un po' di quattrini a qualche charity che si occupi di ripulire l'immagine...

Per essere chiari e venire ai fatti, nonostante sia stato siglato un accordo tra marchi, governo, sindacati e Ong sotto egida Onu per predisporre un programma di risarcimento delle famiglie, il Donor Trust Fund volontario istituito per raccogliere le donazioni è a secco. Un anno dopo il crollo i marchi e i distributori hanno contribuito con soli 15 milioni di dollari, appena un terzo dei 40 milioni necessari. Sul libro nero ci sono tre società italiane: Benetton, Manifattura Corona e Yes Zee.

Oggi in Italia ci saranno FlashMob a Firenze, Milano e Treviso. Altre azioni sparse per il mondo. A Dacca lavoratori e sindacalisti ricorderanno tutti coloro che hanno perso la vita quel dannato 24 aprile.

anche su il manifesto



Powered by Amisnet.org