Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


GLI ISLAMISTI BLOCCANO ISLAMABAD

Occhio per occhio, stupro per stupro

Edhi, il benefattore privato con un occhio alla cosa pubblica

PUGNO DI FERRO DOPO LAHORE

PAKISTAN, STRAGE A PASQUA

NUOVA STRAGE A SCUOLA IN PAKISTAN

IL GRANDE GIOCO IN PAKISTAN

LA GUERRA INFINITA DI PAKISTAN E AFGHANISTAN

Seymour Hersh e la morte di bin Laden

Giustizia per Malala ma non per tutti

L'"ERRORE" CHE HA UCCISO GIOVANNI LO PORTO

PESHAWAR, IL GIORNO DOPO

PESHAWAR, CRONACA DI UN MASSACRO

STRAGE DI WAGAH, NUOVI GRUPPI VECCHIE STRATEGIE 3/11/14

DOMENICA DI SANGUE A KARACHI 10/6/14

STRAGE AL MERCATO, I DUBBI DI ISLAMABAD 10/4/14

Il ministero dell'Interno non crede alla rivendicazione beluci della strage di ieri

Emanuele Giordana

Giovedi' 10 Aprile 2014


Il ministero dell'Interno non crede alla rivendicazione beluci dell'attentato di ieri al mercato di Islamabad. E' l'ultimo aggiornamento su una vicenda nella quale era già salito a 24 ieri sera il numero delle vittime dell'ennesima strage in Pakistan. Oltre cento i feriti Una strage che non ha eguali, nella capitale, dai tempi di quella avvenuta all'Hotel Marriot di Islamabad nel 2008. Ma l'episodio non si può ascrivere alla routine cui le vicende del Paese dei puri ci hanno abituato. La strage di ieri mattina, particolarmente odiosa perché avvenuta in un affollato mercato nella zona di Sabzi Mandi, tra Islamabad e Rawalpindi, avviene infatti mentre è in corso un faticoso negoziato di pace tra il governo e il Ttp, la sigla dei talebani pachistani, entrati in guerra con gli empi governi di Islamabad nel 2007 sulle orme e su ispirazione dei confratelli afgani. E' una guerra civile che esce dai confini delle aree tribali e dilaga nelle altre province e che, in soli sei anni, uccide 50mila persone. Poi, con l'arrivo del premier Nawaz Sharif al governo, la svolta. Seppur faticosamente inizia un negoziato, già prima tentato e più volte fallito. E' la volta buona?
Fin dall'inizio le cose sfuggono di mano agli stessi talebani. Gruppi e gruppetti con sigle disparate rivendicano azioni esemplari, rappresaglie, decapitazioni. Un modo di contestare la scelta negoziale. Il Ttp prende le distanze (come ha fatto ieri dalla strage al mercato) ma tutto sembra dimostrare che l'Idra del terrore, per anni alimentata anche dai servizi segreti in chiave interna o oltreconfine, ha ormai preso la mano ai suoi ideatori e ai suoi finanziatori occulti. In serata arriva la rivendicazione del Balochistan Liberation Army (Uba), organizzazione separatista della provincia più occidentale nata nel 2000, considerata terrorista dal 2006 e che molti pachistani dicono legata all'India. Ma non fa molta differenza, tant'è che Il ministero dell'Interno non crede alla rivendicazione beluci della strage di ieri e fa filtrare l'ipotesi appunto del regolamento di conti interno al Ttp. E' nota del resto l'infiltrazione talebana nel movimento beluci, un movimento indipendentista con molte sfumature in guerra col governo centrale sin dagli anni Venti del secolo scorso ma che, dopo il 2001, ha visto crescere piccole formazioni estremamente violente. Sempre l'Uba ha rivendicato anche la strage alla stazione ferroviaria di Sibi di martedì dove sono morte almeno 17 persone.

Commentalo su Great Game



Powered by Amisnet.org