Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


GLI ISLAMISTI BLOCCANO ISLAMABAD

Occhio per occhio, stupro per stupro

Edhi, il benefattore privato con un occhio alla cosa pubblica

PUGNO DI FERRO DOPO LAHORE

PAKISTAN, STRAGE A PASQUA

NUOVA STRAGE A SCUOLA IN PAKISTAN

IL GRANDE GIOCO IN PAKISTAN

LA GUERRA INFINITA DI PAKISTAN E AFGHANISTAN

Seymour Hersh e la morte di bin Laden

Giustizia per Malala ma non per tutti

L'"ERRORE" CHE HA UCCISO GIOVANNI LO PORTO

PESHAWAR, IL GIORNO DOPO

PESHAWAR, CRONACA DI UN MASSACRO

STRAGE DI WAGAH, NUOVI GRUPPI VECCHIE STRATEGIE 3/11/14

DOMENICA DI SANGUE A KARACHI 10/6/14

TTP/GOVERNO, NEGOZIATO IN 15 PUNTI 11/2/14

Tanti sono quelli nell'agenda dei filo talebani per il negoziato che riprende oggi a Islamabad. E intanto in Pakistan continua a scorrere il sangue

Emanuele Giordana

Martedi' 11 Febbraio 2014

Mentre un uomo ieri si è fatto esplodere a Peshawar, capitale della provincia del Khyber Pakhtunkhwa, uccidendo quattro donne, sabato, nella provincia meridionale del Belucistan (entrambe al confine con l'Afghanistan), veniva appiccato fuco al luogo sacro dedicato a un poeta sufi, Mast Twakali. E' un personaggio la cui memoria, che travalica i confini del Pakistan, viene onorata quotidianamente con pellegrinaggi che non piacciono ai puristi di scuola deobandi che vorrebbero il Pakistan governato dalla sharia e dal Corano al posto della Costituzione. Il giorno dopo, a Karachi, capitale del Sindh, alcune granate sono state lanciate contro un assembramento di sufi. Poi è stato aperto il fuoco: otto morti e altrettanti feriti. Il sufismo non è una dottrina o una corrente settaria dell'Islam ma la sua forma spirituale mistica per eccellenza. Un vero antidoto al settarsimo radicale e infatti, secondo i puristi del Teheerk-e Taleban Pakistan (Ttp), è una deviazione che va punita. Con la morte

Non sono gli unici episodi di violenza (tre insegnanti sono state uccise ieri nel distretto di Hangu) che delineano la complessità del quadro in cui si stanno svolgendo i primi colloqui di pace tra governo e talebani pachistani. Dopo una prima riunione per stendere i punti essenziali dell'agenda negoziale, i due team (uno di quattro per il governo, l'altro di tre autorizzato dal Ttp) si rivedranno oggi quando forse i colloqui entreranno nel vivo. Ma chi ha voluto vedere una conferma dei primi frutti positivi del dialogo nei recenti successi della campagna anti polio (500mila bambini vaccinati nel Khyber Pakhtunkhwa), proprio ieri nella stessa provincia un team sanitario è stato preso di mira molto probabilmente da qualche zelota che segue le fatwa emesse dal Ttp contro le vaccinazioni.

E' ancora presto infatti per capire se il processo negoziale porterà a qualcosa e se è effettivamente un passo storico destinato a chiudere una guerra interna che dura dal 2007, ha ucciso quasi 150 persone solo dall'inizio dell'anno, e che oppone soprattutto la zona delle aree tribali (Fata) del Khyber Pakhtunkwa al governo centrale di Islamabad (ma con rivoli, come si vede, che si estendono in tutto il Paese). Presto anche per capire se ormai la macchina della violenza settaria innescata dai talebani, finanziata da interessi occulti e rinfocolata dalla guerra afgana e dalla democrazia malata del Paese, non sia ormai diventata così endemica e dispersa in mille gruppuscoli da diventare incontrollabile persino per il Ttp e i maulana (mullah) estremisti che sostengono la lotta armata con la dottrina. Le nubi non mancano.

Il terzetto filoTtp, guidato da Sami ul-Haq (islamista deobandi, ex senatore e teologo soprannominato “Father of the Taleban” considerato un estremista sunnita che ha però emesso una fatwa per difendere le vaccinazioni contro la polio) ha reso nota la sua agenda che presenta – in 15 punti - non pochi problemi. Per riassumerla i punti si potrebbero ridurre a sei: 1) Cambiare il rapporto con gli Usa ed esigere la fine dei bombardamenti coi droni 2) Risarcire le vittime 3) Preparare uno scambio dei prigionieri 4) Amnistia 5) Imporre un sistema bancario islamico
6) Introdurre la sharia e l'insegnamento islamico. Se una nuova dinamica con Washington è forse nelle corde di molti pachistani e risarcimenti e scambi di prigionieri sono possibili, sharia ed educazione islamica forzata troveranno opposizione a cominciare da un governo che vorrebbe smettere di essere considerato amico degli islamisti e tra i tanti che sognano un Pakistan musulmano ma non insanguinato. La strada è in salita.


Questo articolo è uscito oggi su il manifesto. Commentalo su Great Game il blog di Emanuele Giordana



Powered by Amisnet.org