Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Scommessa ecologista compassionevole

ALLARME IN MARE

UN 118 NELL'ALVEARE

IL CONTAGOCCE RUSSO CON GREENPEACE 20/11/13

INDONESIA, EMERGENZA VULCANO 13/11/13

TEMPESTA NEL PUNTLAND, CENTO MORTI 12/11/13

MUOS, IL TAR DA' TORTO AL MINISTERO 10/7/13

IN ATTESA DI SENTENZA. UNA STORIA RADIOATTIVA 29/6/13

INQUINAMENTO DA PETROLIO. INADEGUATE LE LINEE GUIDA DEL CONSIGLIO ARTICO 06/02/13

ILVA, AMBIENTALISTI E VERDI CONTRO IL "BLUFF" DELL'AIA 18/10/12

DOPO RIO, L'OPINIONE DI SUSAN GEORGE 1/7/12

GEEN ECONOMY: NEW DISGUISE FOR OLD TRICKS? 30/05/12

SEMPLIFICAZIONI, SALTA LA DEPENALIZZAZIONE DEGLI ABUSI 28/3/12

AMBIENTE, UNA "SEMPLIFICAZIONE" APRE LA STRADA A NUOVI ABUSI 24/3/12

DECRETO SEMPLIFICAZIONI, LE PREOCCUPAZIONI DI UN MAGISTRATO DI RANGO 24/3/12

TEMPESTA NEL PUNTLAND, CENTO MORTI 12/11/13

Colpita l'area costiera orientale

Lettera22

Martedi' 12 Novembre 2013

La tempesta scatenata da un ciclone tropicale che ha colpito la regione africana del Puntland, nella Somalia centrorientale, potrebbe aver ucciso almeno un centinaio di persone mentre altre centinaia sono date ancora per disperse. Lo ha fatto sapere ieri il governo locale del mini Stato africano proclamatosi indipendente da Mogadiscio nel 1998.

Il ciclone, originatosi sul mar Arabico, ha colpito i distretti costieri orientali di Eyl, Beyla, Dangorayo. Hafun sino ad Alula. Bosaso ha lanciato un appello per aiuti internazionali di emergenza. Il presidente del Puntland, Abdirahman Mohamed Farole, ha detto infatti che si tratta di un'emergenza enorme e che, nonostante sia già partita l'organizzazione del soccorso locale, è necessario un aiuto esterno. Secondo il governo, edifici, imbarcazioni e interi villaggi sono stati distrutti e oltre 100mila capi di bestiame sono rimasti vittime del ciclone mentre forti piogge e forti venti continueranno fino a mercoledi.



Powered by Amisnet.org