Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Libia, tutti i rischi della guerra

CAOS LIBICO 12/9/13

LIBIA: RENDITION E TORTURE CIA PER GLI OPPOSITORI DI GHEDDAFI 8/9/12

LIBIA, AMNESTY INTERNATIONAL DENUNCIA: TORTURE E VIOLENZE DA MILIZIE FUORI CONTROLLO 16/02/12

TUTTI GLI INTERROGATIVI SUL FUTURO DELLA LIBIA 24/10/11

"GHEDDAFI? NON FU SOLO UN MOSTRO" 31/9/11

ELISABETTA E I RISCHI DI UN MESTIERE 25/8/11

LE ULTIME ORE DEL REGIME LIBICO 22/08/2011

LIBIA, GLI USA INCONTRANO RAPPRESENTANTI DI GHEDDAFI 19/07/11

L'ACCORDO TRA ROMA E BENGASI FOTOCOPIA DI QUELLO CON TRIPOLI 28/6/11

JABRIL: «RESISTEREMO PIù DI GHEDDAFI» 5 MAGGIO 2011

LIBIA, I FIGLI TENTANO IL NEGOZIATO 4/4/11

ITALIA E LIBIA, IL DISCORSO DI NAPOLITANO ALL'ONU 29/03/11

I DUBBI SULLA NFZ E IL BICCHIERE MEZZO PIENO 20/3/11

ONU IN ALLARME PER LE VIOLENZE SUI MIGRANTI IN LIBIA 09/03/2011

CAOS LIBICO 12/9/13

Autobomba a Bengasi. Un anno fa la strage al consolato americano della città in cui scoppiò la rivolta del 2011

Em. Gio.

Giovedi' 12 Settembre 2013

Tra i tanti modi di ricordare il proprio 11 settembre, un gruppo libico che finora non ha rivendicato l'attentato, ha utilizzato un'autobomba che ha fatto esplodere, fortunatamente senza fare vittime, davanti a un edificio di Bengasi che una volta ospitava il consolato degli Stati Uniti a Bengasi al tempo di re Idris. Un atto evidentemente simbolico ma che non ha mancato di danneggiare anche l'immagine del debole governo di Tripoli, distruggendo una parte dell'edificio del ministero degli Esteri libico che si trova nella città orientale. Fortunatamente, a parte i danni alle cose e forse per una scelta cosciente e misurata (lo scoppio è avvenuto prima dell'ingresso di funzionari e amministrativi nell'edificio governativo), la possibile strage di è risolta senza un bilancio di sangue.

Il nesso con l'11 settembre dell'anno scorso è fin troppo evidente: un attacco contro l'attuale consolato americano uccise proprio a Bengasi quattro americani, tra cui l'ambasciatore J. Christopher Stevens, uomo di Hillary Clinton e la cui morte innescò una violentissima polemica. Alcuni giorni fa Al Jazeera ha reso noto per altro il contenuto di una relazione scritta da un gruppo indipendente di esperti americani di intelligence secondo cui l'attacco alla missione speciale statunitense a Bengasi aveva sfruttato l'incapacità del Dipartimento di Stato di provvedere adeguata sicurezza alle strutture diplomatiche statunitensi in zone ad alto rischio.

Secondo il rapporto dunque il Dipartimento di Stato sapeva benissimo delle condizioni inadeguate della sicurezza di ambasciate e consolati in tutto il mondo (quest'estate Washington ha deciso di chiudere 19 sedi diplomatiche all'estero) ma il vertice ignorò avvertimenti e consigli. L'attentato che costò la morte a Christopher Stevens costò anche il posto a David Petraeus anche se la scusa ufficiale fu una love-affair scoperta telematicamente. Chi aveva deciso che a pagare dovesse essere il capo della Cia salvò il presidente e la Clinton e Petraeus fu costretto a dimettersi il 9 novembre, nemmeno un mese dopo l'assassinio dell'ambasciatore.

La bomba di ieri è dunque la ciliegina sulla torta dell'intervento militare del 2011 che scaturì proprio dalla rivolta di Bengasi e che ha lasciato il Paese in una situazione di caos, difficile da mascherare anche se il governo ci ha provato definendo l'attentato "un atto terroristico vile con lo scopo di attaccare la sovranità dello Stato e creare un'immagine di caos". L'esplosione è avvenuta in pieno centro lungo una via importante di Bengasi e il messaggio è abbastanza chiaro nella capitale che guidò la rivolta e portò alla guerra, al rovesciamento e all'uccisione extragiudiziale di Gheddafi. Ben lungi dall'essere una zona pacificata, la città è teatro di continui attentati e di episodi di violenza che hanno nel mirino ufficiali delle forze di sicurezza, membri della magistratura o funzionari che lo erano anche ai tempi del regime del rais. Dopo la guerra hanno preso forma e corpo in maniera strutturata centinaia di gruppi armati organizzati con scorte di armi sofisticate. Gli analisti sono concordi nel ritenere che la rete delle milizie è in grado di tenere in scacco il Paese e le sue ricchezze petrolifere.

L'insicurezza in Libia regna sovrana. «Si sono formati almeno 500 gruppi armati che hanno di fronte un esercito fragile – dice Angelo Del Boca, che ha appena terminato una nuova edizione della sua biografia di Gheddafi – e vorrei mettere in guardia chi pensa che sia facile disarmarle». Del Boca si riferisce alla possibilità che l'Italia partecipi al piano di riorganizzazione e training dell'esercito libico che dovrebbe andare di pari passo con un altro piano per disarmare le milizie. Secondo un rapporto dell'United Press International (Upi), questi 500 gruppi sono in competizione tra loro e rispondono ad agende diverse. La Libya's Warrior Affairs Commission stima a circa 250mila i componenti delle milizie che hanno un rapporto diretto di fedeltà a signori della guerra, capi tribù o gruppi salafiti, una sigla che non esaurisce per altro il vasto panorama dell'estremismo islamico nordafricano in cui si è infiltrata anche la matrice qaedista. Del Boca invita ad andarci molto cauti. Come dimostra l'anniversario di ieri festeggiato a suon di bombe.


anche su il manifesto



Powered by Amisnet.org