Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


UMANITARI CON UN OCCHIO AL MERCATO

COOPERAZIONE, LUCI E OMBRE SECONDO IL CINI

LEGGE SULLA COOPERAZIONE: UN DDL DA MIGLIORARE

ONG ITALIANE: ALLARGARE L'ORIZZONTE 24/7/13

MSF: LE CRISI UMANITARIE DIMENTICATE DAI MEDIA 15/05/12

FIDUCIA A RICCARDI DALLE ONG 1/3/12

TRE GIORNI DI FORUM INTERNAZIONALE SULLA COOPERAZIONE DECENTRATA 15/6/2011

SOCIETA' CIVILE IN AFGHANISTAN, PRESENTAZIONE A ROMA IL 23/2/11

EMERGENZA SICCITA' IN SOMALIA, L'APPELLO DI INTERSOS 14/02/2011

AFGHANISTAN, FIELDS (SIGAR) LASCIA 12/1/11

OBIETTIVI DEL MILLENNIO: LE ONG SI MOBILITANO SUL WEB 9/04/10

IL TIMONE DELLE ONG ITALIANE A FRANCESCO PETRELLI 16/3/10

LA RISPOSTA DI AGIRE ALL'EMERGENZA DI HAITI 24/02/10

CI RISIAMO, PC VS MAE, IL CASO DI HAITI 4/2/10

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE: NUOVI INGREDIENTI, NUOVI PROTAGONISTI 5/12/09

ONG ITALIANE: ALLARGARE L'ORIZZONTE 24/7/13

Approvato il nuovo statuto e il cambio di denominazione

Lettera22

Mercoledi' 24 Luglio 2013

L'Associazione delle Ong italiane da ieri si chiama Associazione delle organizzazioni italiane di cooperazione e solidarietà internazionale.Cambia solo il nome? E' una "scelta di indirizzo che vuole incidere sulla geografia, il contesto sociale e le relazioni del mondo non governativo italiano della cooperazione, della solidarietà e del volontariato internazionale" è scritto in una nota diffusa alla stampa.

La stessa nota spiega che "l'agenda politica della cooperazione internazionale, da oggi per i prossimi due anni, segna un calendario fitto di appuntamenti, scadenze, impegni irrimandabili. Per citarne alcuni:in Italia l'iter avviato sulla riforma della legge 49/87 (in mano al sottosegretario Pistelli ndr), l'impegno istituzionale nel semestre di Presidenza Ue, l'Expo di Milano; la ridefinizione degli accordi e trattati internazionali sul commercio, la verifica nel 2015 sugli Obiettivi del Millennio, i temi ambientali post Rio+20, le attuali grandi emergenze umanitarie, la pace e la democrazia nel mediterraneo e nel Medio oriente, le vertenze più immediate per i diritti umani calpestati nel mondo". Dunque un tempo che non è più quello delle 'categorie, confini e steccati'. Occorre, prosegue la nota, "andare oltre la sigla tradizionale delle 'Ong di cooperazione internazionale', coinvolgendo le esperienze di volontariato e solidarietà internazionale, e reti consolidate nelle pratiche del commercio equo e sostenibile, le comunità e associazioni di immigrati impegnate nel cosviluppo, alle realtà attive nell'adozione a distanza e internazionale".

Un allargamento di orizzonte dunque per diventare "luogo di elaborazione e condivisione di scelte e strategie, veramente inclusivo e adeguato a tempi e sfide".



Powered by Amisnet.org