Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


GLI ISLAMISTI BLOCCANO ISLAMABAD

Occhio per occhio, stupro per stupro

Edhi, il benefattore privato con un occhio alla cosa pubblica

PUGNO DI FERRO DOPO LAHORE

PAKISTAN, STRAGE A PASQUA

NUOVA STRAGE A SCUOLA IN PAKISTAN

IL GRANDE GIOCO IN PAKISTAN

LA GUERRA INFINITA DI PAKISTAN E AFGHANISTAN

Seymour Hersh e la morte di bin Laden

Giustizia per Malala ma non per tutti

L'"ERRORE" CHE HA UCCISO GIOVANNI LO PORTO

PESHAWAR, IL GIORNO DOPO

PESHAWAR, CRONACA DI UN MASSACRO

STRAGE DI WAGAH, NUOVI GRUPPI VECCHIE STRATEGIE 3/11/14

DOMENICA DI SANGUE A KARACHI 10/6/14

IMRAN ALLA CONQUISTA DI KARACHI 21/5/13

Alta tensione e sorprese nel riconteggio della città portuale roccaforte del Mqm. Il Tpi avanza. La violenza politica non si spegne

Lettera22

Martedi' 21 Maggio 2013

Se le proiezioni del nuovo voto nella corsa elettorale di Karachi saranno confermate dall'esito definitivo, il partito della giustizia di Imran Khan, l'ex cricketer pachistano prestato alla politica, guadagnerà un seggio all'assemblea provinciale del Sindh, la provincia del Sud la cui capitale è la grande città portuale. Una ennesima novità nel panorama politico del Pakistan.
Il nuovo voto, che segue le elezioni nazionali e provinciali a distanza di solo una settimana e che è stato boicottato dal Mqm, il partito storicamente forte della città, è avvenuto in 43 delle 200 stazioni di voto messe sotto accusa dall'opposizione che aveva contestato i risultati e chiesto che si andasse di nuovo a votare. Il Tpi, già terzo partito nella consultazione nazionale che ha dato a Nawaz Sharif lo scranno di primo ministro, avanza così anche nel Sindh, roccaforte del Mqm e del Ppp, il partito popolare dei Bhutto uscito però sonoramente sconfitto dall'ultima tornata elettorale.

Ma il nuovo voto e le polemiche seguite all'assassinio qualche giorno fa del numero due del partito, la signora Zahra Shahid Hussain ( i cui funerali si sono svolti l'altro ieri a Karachi in coincidenza con la riapertura delle urne) rischiano di infiammare una città popolosissima, con un enorme divario tra poveri e ricchi, abitata da turbolente comunità pashtun e beluci e teatro da anni di scontri politici violentissimi. Il Mqm, o movimento dei mohajir, i musulmani che dopo la Partition del Raj britannico nel '47 emigrarono nel Pakistan, è stato infatti accusato della responsabilità della morte di Zahra in un'intervista video rilasciata da Imran Khan nel letto di ospedale dove si trova per una brutta caduta. Imran ha accusato senza perifrasi Altaf Hussain, leader del Mqm auto esiliatosi a Londra per timore di vendette. Il movimento ha respinto le accuse al mittente ma la polemica ha infuocato gli animi, adesso accalorati anche dal risultato di un nuovo voto che premia il partito di Imran.

Il Tpi è stato uno dei grandi protagonisti del voto nazionale che, una settimana fa, ha incoronato il partito di Nawaz Sharif, la Lega musulmana, e ha certificato la debacle del Ppp, il partito dell'attuale presidente. Quello di Imarn è invece uscito come forza in grado di condizionare l'esecutivo e adesso la vittoria a Karachi segna un'inversione di tendenza anche nella grande città portuale. Da sempre uno dei teatri più violenti nella realtà urbana del Pakistan.



Powered by Amisnet.org