Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


L'Italia risponde "Signorsì"

Il rifugio sicuro della guerra permanente

AFGHANISTAN, GUERRA INFINITA

TALEBANI A KABUL

Icc, Usa e talebani alla sbarra

Il piano Trump per l'Afghanistan? Più soldati e più vittime

VECCHIA RETORICA NEL NUOVO PIANO AFGANO

DA RAQQA CON FURORE

Italiani a Farah: assistere o combattere?

UN VICERE’ AMERICANO A KABUL

La nuova guerra afgana

Surge americano

STRAGE AL FUNERALE

Kabul, strage senza fine

KABUL IL GIORNO DOPO

AFGHANISTAN, MAI PIU' L'AIUTO DEI RAID STRANIERI 17/2/13

Hamid Karzai ieri ha fatto la dichiarazione più dura di tutta la sua storia politica. Durante una visita ufficiale ha annunciato che «nessuna istituzione militare afgana e per nessun motivo potrà più chiamare in aiuto forze dell'aria straniere a sostegno di operazioni nel Paese». Un vero e proprio veto cui il presidente vuole dare ancora più forza, questa volta, con un decreto. A Quetta strage di oltre ottanta civili per una bomba al mercato

Emanuele Giordana

Domenica 17 Febbraio 2013

Quando qualche giorno fa un raid aereo nella provincia di Kunar aveva fatto mattanza in un piccolo villaggio dell'Afghanistan orientale e ucciso una decina di persone tra cui donne e bambini, Karzai non aveva fatto alcuna dichiarazione pubblica degna di nota, a parte le condoglianze di rito alle famiglie. Nonostante il presidente afgano non abbia perso occasione in questi anni per attaccare gli alleati proprio sul tema “vittime civili”, quel giorno si era soprattutto congratulato della notizia del ritiro di altri 34mila soldati americani entro l'anno. Ma, dopo aver fatto passare qualche tempo, il capo dello Stato afgano ha fatto la dichiarazione più dura di tutta la sua storia politica. Ieri, mentre era in visita all'Accademia militare nazionale a Kabul, ha annunciato che «nessuna istituzione militare afgana e per nessun motivo potrà più chiamare in aiuto forze dell'aria straniere a sostegno di operazioni nel Paese». Un vero e proprio veto cui il presidente vuole dare ancora più forza, questa volta, con un decreto che intende emanare nei prossimi giorni.

Per la prima volta in maniera chiara e netta Karzai fa una precisa distinzione tra forze nazionali e “alleati” che, in questa nuova chiave, diventano dunque assai più forze di occupazione che amici, responsabili d'ora in poi di ogni azione dall'aria che uccida afgani innocenti. La situazione è difficile e il consenso per il presidente un'arma fondamentale da giocare nell'ultimo spicchio di un mandato in esaurimento. E di morti civili ce ne sono fin troppe, a cominciare da quanto accadeva ieri, nelle stesse ore, appena oltre confine, nella città pachistana di Quetta, piena di rifugiati afgani, soprattutto hazara. Lì, sempre ieri, oltre ottanta persone sono state uccise (duecento i feriti) da un “ordigno sporco” piazzato nel mercato della verdura. E' uno dei tanti aspetti di una guerra trentennale che non si combatte solo in territorio afgano e da cui è bene prendere le distanze davanti a un popolo composto ormai in maggioranza da gente che la pace non l'ha vista mai.

La guerra sul suolo nazionale continua. E il raid a Kunar di qualche giorno fa è solo l'ultimo episodio di uno degli aspetti più odiosi del conflitto: la morte dall'aria. La strage di Kunar, avvenuta nella notte del 12 febbraio scorso, non è nemmeno stata una delle più sanguinose ma arriva in un momento delicatissimo e in cui i rapporti con l'alleato maggiore, quello americano, non sono serenissimi. C'è in ballo la questione delle basi militari per le quali Washington chiede un salvacondotto che garantisca ai militari che resteranno a presidiarle in Afghanistan dopo il 2014 l'immunità. Karzai non vuole e non vuole cedere, mentre le vicende che coinvolgono i civili non fanno che aumentare la mal sopportazione della presenza straniera e il consenso al presidente, specie quando prende una dura posizione contro gli alleati. Infine, se è pur vero che molti afgani temono che il ritiro significhi oblio, non sembrano davvero più disposti a tollerare i bombardamenti, per forza di cose indiscriminati.

Della strage di Kunar si era detto che fosse stata l'effetto (collaterale, parola che però non si usa più) di una “operazione congiunta”, ma quel congiunto significa di solito che gli afgani macinano la strada e gli alleati l'aria. Sulla vicenda Karzai aveva convocato a palazzo il neo nominato capo dell'Isaf/Nato, il generale americano Joseph Dunford, che ha così iniziato con una grana la sua carriera di capo (forse l'ultimo) della Nato nel Paese asiatico. Dunford si è giustificato, con promesse per le famiglie e ripetendo il mantra ormai di rigore, e cioè che per la Nato la protezione dei civili è la pietra angolare della missione nel Paese. Ma questa volta le parole non sono state sufficienti. A giudicare dalla reazione (ponderata) del presidente afgano, c'è da credere che farà sul serio e che emanerà il decreto: una presa di posizione senza precedenti che costituirebbe per la Nato un duro avvertimento che potrebbe forse sortire il salutare effetto di chiudere definitivamente la partita dei bombardamenti aerei. Cui anche noi italiani partecipiamo, come ha fatto sapere il ministro Di Paola in parlamento l'estate scorsa.

anche su il a< href="http://www.ilmanifesto.it" target="blank">manifesto



Powered by Amisnet.org