Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Presidio contro la guerra a Milano

VIGILIA DIFFICILE PER IL WARGAME DELLA NATO

A TRIESTE DIVISI DA UNA DATA, 1 MAGGIO O 12 GIUGNO?

21 OKTOOBAR, I MISTERI DI MOGADISCIO

CASO BOSIO, LA FARNESINA LO SOSPENDE 8/4/14

MADEINITALY/RANAPLAZA, IL SENATO CHIEDE CONTO 4/4/14

CARO SINDACO TI SCRIVO. I DUBBI SULLA NUOVA MOSCHEA DI MILANO 17/2/14

AL VIA IL "SISTEMA PAESE IN MOVIMENTO" 17/11/13

LA GRANDE MUTAZIONE. AL VIA IL QUINTO SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 31/10/13

ALLA SAPIENZA ASPETTANDO IL 19 OTTOBRE 16/10/13

AMNESTY: DIRITTI AL CENTRO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE, MA TRA VECCHI VIZI E TABÙ 27/9/13

MANCONI SUL GIALLO DEL CABLO SHALABAYEVA 21/7/13

ITALIA/KAZAKISTAN, ASPETTANDO ALMA 14/7/13

KAZAKISTAN, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO 13/7/13

ESPULSIONE O RENDITION? LA TRAMA OSCURA DIETRO LA STORIA DI ALMA 11/7/13

CENERENTOLA SECONDO INGROIA E LOTTI 30/1/13

Rivoluzione civile ha presentato ieri a Roma il programma di politica estera della Lista con uno sguardo, per una volta, fuori dall'ombelico di casa. Sono i primi a farlo in una campagna elettorale dominata dalle vicende di casa

A sn un momento della conferenza stampa ieri a Roma

Emanuele Giordana

Mercoledi' 30 Gennaio 2013

Se la politica estera è sempre stata la Cenerentola d'Italia, la campagna elettorale per queste elezioni non ha ancora fatto eccezioni. Tranne una che, a sorpresa, arriva dalla lista Ingroia. Il magistrato che ha preferito l'Italia al Guatemala e che ha caratterizzato la strada di Rivoluzione civile come un percorso contro l'illegalità nazionale, decide infatti di allargare il concetto anche a Cenerentola. E ha presentato ieri a Roma il programma della lista con uno sguardo, per una volta, fuori dall'ombelico di casa.

Dopo un primo incontro sui temi del lavoro e, nei prossimi giorni, su economia/fisco e lotta alla mafia, Ingroia tiene a sottolineare che se è la Costituzione il pilastro della sua lista, l'articolo 11 sul ripudio della guerra è uno dei pilastri della Carta. La scenografia dell'incontro è preparata ad arte. Sul tavolo c'è un mappamondo pieno di soldatini, una pagnotta, un elmetto da minatore, una scatola di medicinali e un ramoscello d'olivo a significare i temi portanti di quella che dovrebbe essere l'azione dell'Italia. A fianco a lui c'è Flavio Lotti, l'animatore della Perugia Assisi, una lunga carriera (a piedi) sui temi della pace, declinati, anche in passato, sul resto del mondo, dalla Palestina all'Afghanistan. E anzi, prima della conferenza stampa, Ingroia firma l'agenda in dieci punti sui diritti umani presentata qualche giorno fa da Amnesty. Il messaggio è chiaro e anzi Ingroia e Lotti spiegano che l'agenda della loro lista è un'agenda per i diritti umani e rivendicano di essere i primi ad aver scelto di presentare, in una campagna elettorale dominata dalla politica interna o al massimo da quella europea, su quali temi all'estero si impegneranno gli ingroiani una volta in parlamento.

La piattaforma la illustra Lotti: bloccare gli F-35, non limitandosi a ridurne l'acquisto, ritiro immediato dall'Afghanistan investendo il 30% del risparmio in ricostruzione civile del Paese, rilancio della cooperazione internazionale. Poi, dopo gli slogan, Lotti approfondisce: bacchetta il governo «che ci ha fatto entrare in guerra in Mali con...un ordine del giorno» e bacchetta un'Italia rattrappita che non è in grado di aprire gli occhi sul mondo. Come svegliarla? Lotti propone un nuovo modello di diplomazia dove entrino a collaborare con i diplomatici le competenze della società civile “responsabile”: esperti e giornalisti, Ong e missionari, tutti quelli – dice – che la realtà la vedono dal terreno, un terreno che conoscono perché mettono il becco fuori dai palazzi e dagli uffici. Andando oltre gli slogan e sollecitato dalle domande, Lotti argomenta che abbiamo sfruttato poco e male i nostri istituti di cultura all'estero e, soprattutto, che il vecchio modo di far politica «sente ma non ascolta, guarda ma non vede».

Servono allora nuovi strumenti per capire, ascoltare, dialogare: capire le voci di chi vive nelle aree di crisi, ne conosce la storia intima, riesce a prevedere che piega prenderanno le cose. I soldi restano un tema: sono pochi – dice Lotti – ma è questione di impiegarli meglio e di evitare che ci accorgiamo della diversità solo quando l'estero piomba in casa nostra sotto forma di immigrazione. Perché, nella visione della Lista Ingroia, la divisione tra esteri e interni è finita da un pezzo e i diritti - «il diritto ad avere diritti» - è trasversale, travalica i confini. La politica estera del futuro è messa nel programma sotto dieci priorità. Su tutti ce n'è una: «dichiariamo illegali guerra e povertà», dicono. Oltre lo slogan c'è l'abbozzo di una visione che ambirebbe a costruire un volto dell'Italia che si possa cogliere anche da chi ci guarda fuori dall'ombelico.

Anche su il manifesto oggi in edicola



Powered by Amisnet.org