Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Presidio contro la guerra a Milano

VIGILIA DIFFICILE PER IL WARGAME DELLA NATO

A TRIESTE DIVISI DA UNA DATA, 1 MAGGIO O 12 GIUGNO?

21 OKTOOBAR, I MISTERI DI MOGADISCIO

CASO BOSIO, LA FARNESINA LO SOSPENDE 8/4/14

MADEINITALY/RANAPLAZA, IL SENATO CHIEDE CONTO 4/4/14

CARO SINDACO TI SCRIVO. I DUBBI SULLA NUOVA MOSCHEA DI MILANO 17/2/14

AL VIA IL "SISTEMA PAESE IN MOVIMENTO" 17/11/13

LA GRANDE MUTAZIONE. AL VIA IL QUINTO SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 31/10/13

ALLA SAPIENZA ASPETTANDO IL 19 OTTOBRE 16/10/13

AMNESTY: DIRITTI AL CENTRO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE, MA TRA VECCHI VIZI E TABÙ 27/9/13

MANCONI SUL GIALLO DEL CABLO SHALABAYEVA 21/7/13

ITALIA/KAZAKISTAN, ASPETTANDO ALMA 14/7/13

KAZAKISTAN, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO 13/7/13

ESPULSIONE O RENDITION? LA TRAMA OSCURA DIETRO LA STORIA DI ALMA 11/7/13

AMNESTY ITALIA/RICORDATI CHE DEVI RISPONDERE 23/1/13

Agenda in 10 punti per i diritti umani. Oggi a Roma il decalogo di Amnesty International per la poltica italiana. In attesa di risposta

Mercoledi' 23 Gennaio 2013

Mentre infuria la campagna elettorale, a un mese dalle elezioni, Amnesty International Italia ha lanciato la campagna ‘Ricordati che devi rispondere. L’Italia e i diritti umani’, attraverso la quale sottoporra’ ai leader delle coalizioni in lizza (Berlusconi, Bersani, Giannino, Grillo, Ingroia, Monti e Pannella) e a tutti i candidati delle circoscrizioni elettorali un’Agenda in 10 punti per i diritti umani in Italia.

‘Un governo che ha cuore il paese - ha dichiarato Christine Weise, presidente di Amnesty International Italia - ha a cuore i diritti umani di chi ci vive e se ne sente responsabile. Un parlamento che intende esercitare pienamente la sua funzione, legifera per la protezione e il benessere di tutti, nel segno dei diritti e del rispetto della dignita’ di ogni persona. E’ quello che chiediamo. Nulla di meno’ – ha concluso Weise. ‘Per questo motivo’ – ha spiegato Carlotta Sami, direttrice generale di Amnesty International Italia, ‘in occasione delle elezioni del 24 e 25 febbraio, abbiamo deciso di sottoporre ai leader delle coalizioni e delle forze politiche, e a tutti i candidati e le candidate, un vero e proprio programma di riforme nel campo dei diritti umani, basato su 10 richieste prioritarie. Chiediamo a chi si propone alla guida del paese di esprimersi chiaramente su ogni punto, prendendo una posizione netta a riguardo, davanti all’elettorato’.

IL DECALOGO

1. garantire la trasparenza delle forze di polizia e introdurre il reato di tortura

2. fermare il femminicidio e la violenza contro le donne

3. proteggere i rifugiati, fermare lo sfruttamento e la criminalizzazione dei migranti e sospendere gli accordi con la Libia sul controllo dell’immigrazione

4. assicurare condizioni dignitose e rispettose dei diritti umani nelle carceri

5. combattere l’omofobia e la transfobia e garantire tutti i diritti umani alle persone Lgbti (lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuate)

6. fermare la discriminazione, gli sgomberi forzati e la segregazione etnica dei rom

7. creare un’istituzione nazionale indipendente per la protezione dei diritti umani

8. imporre alle multinazionali italiane il rispetto dei diritti umani

9. lottare contro la pena di morte nel mondo e promuovere i diritti umani nei rapporti con gli altri stati

10. garantire il controllo sul commercio delle armi favorendo l’adozione di un trattato internazionale.

L’Agenda in 10 punti per i diritti umani in Italia e’ stata inviata, con una richiesta d’incontro, ai leader delle coalizioni e delle forze politiche ed e’ disponibile sul sito http://www.ricordatichedevirispondere.it/ assieme a un appello che consentira’ di aderire alle 10 richieste di Amnesty International.

Nel corso delle prossime settimane, il sito ricordatichedevirispondere dara’ conto delle risposte, o delle mancate risposte, dei leader e di tutti i candidati.

La campagna ‘Ricordati che devi rispondere. L’Italia e i diritti umani’ proseguira’ anche dopo l’inizio della legislatura, chiedendo al nuovo governo e al nuovo parlamento di agire per realizzare gli obiettivi contenuti nelle 10 richieste.



Powered by Amisnet.org