Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


“PECCATO MORTALE SFRUTTARE CHI LAVORA”

Perugia Assisi l'appello di Tavola e Rete della pace

La guerra di Mario

La lunga scia di droni e ostaggi

Dalle trincee della Grande Guerra un appello per il diritto alla pace

ERAVAMO IN CENTOMILA, GRANDI NUMERI ALLA PERUGIA ASSISI

IL 19 OTTOBRE TORNA LA PERUGIA-ASSISI

CHIUDERE I CIELI AI CACCIA ISRAELIANI

TSAHAL SARDEGNA, SI INFIAMMA LA POLEMICA

TSAHAL IN SARDEGNA? LA DIFESA SI SMARCA

AEREI DI TSAHAL SUI CIELI DI SARDEGNA

L'AUSPICABILE RITORNO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE, UNA LETTERA A JEFFREY SACHS SUL

UN AEREO DI CARTA CONTRO GLI F-35 15/7/13

COLOMBA DI PACE A PAOLA CARIDI 2/7/13

ARMARE LA PACE? UNA RIFLESSIONE SULLE PAROLE DEL MINISTRO 30/6/13

MALI, GUERRA E PACE NEL DESERTO 16/1/13

Con questo intervento del giornalista e africanista Raffaele Masto sollecitiamo un dibattito sul confitto in corso tra le sabbie africane. Per rompere il silenzio che lo circonda

A sn l'autore in uno scatto tratto da Rotocalcoafricano

Raffaele Masto

Domenica 13 Gennaio 2013

Gli interventi militari, anche quelli umanitari, di solito non risolvono le crisi. Il caso del Mali però è un eccezione. I fautori del “No alla Guerra sempre” mi diranno che un eccezione giustifica tutte le altre. Rispondo che la realtà non è mai univoca e, soprattutto, non è mai semplice.
Sul Mali vorrei sottolineare che se non ci fosse stato l'intervento francese, adesso staremmo parlando dell'arrivo degli Jihadisti a Bamako. Erano a pochi chilometri da Mobtì, seconda città del Mali. Il prossimo balzò era verso Bamakò, poche ore, il giorno dopo al massimo. Davanti nessuno: l'esercito si era dissolto, sfarinato.
Il governo del Malì è debolissimo, inesistente, ostaggio di militari capaci solo di fare golpe e incapaci di difendere il paese.

Senza la Francia oggi il Mali sarebbe perduto. Riprenderlo sarebbe stato complicatissimo e costosissimo dal punto di vista militare, logistico, politico, diplomatico. Non solo. Perduto il Mali i paesi della regione avrebbero realmente dovuto temere il contagio islamista. In molti di questi paesi c'è una popolazione (o una parte di questa) sensibile al richiamo estremista, complice anche la drammatica crisi economica.

La missione militare aveva già il sostegno dell'Onu e dell'Unione Africana, ma i Paesi della regione non riuscivano a mettersi d'accordo. E si andava per le lunghe.
Intanto gli islamisti conquistavano Gao, Kidal, Timbuctù, Douenza, Konne...erano a Mobtì, sarebbero arrivati a Bamako. La Francia è intervenuta. In meno di 48 ha fermato gli islamisti e li ha espulsi da Gao. Ha sventato il pericolo. Chi è in grado di dire che non avrebbero dovuto farlo si faccia avanti.

Certo: chi fa gli interventi militari, cioè chi ha eserciti efficienti e armi moderne quando le impiega non lo fa gratis. La Francia non lo ha fatto gratis, ne ha un tornaconto. Il problema è capire se per i civili maliani, per le popolazioni dei Paesi vicini, per l'Europa è meglio la Francia o gli islamisti. Io non ho dubbi.

Ultima osservazione: per favorire la pace, evitare gli interventi militari l'unica vera azione è la prevenzione. In Mali se non ci fosse stata la questione tuareg oggi non ci sarebbe la guerra. Bisognava affrontare e risolvere quella. Non lo ha fatto (non ha voluto farlo) la Francia, non lo ha fatto l'Europa, non l'hanno fatto i Paesi della regione. E la guerra è arrivata. Poi bisogna scegliere tra il minore dei mali, ma sempre tra due guerre.

La Pace ha perso.



Powered by Amisnet.org