Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


INTRIGO TEMPLARE

PALESTINA E ISRAELE: CHE FARE?

STORIA DELL'M16, IL SERVIZIO SEGRETO DI SUA MAESTA'

SINGAPORE CONNECTION, CHI TIRA LE FILA DEL CALCIOSCOMMESSE GLOBALE 22/2/14

IL PARADIGMA DELLA CHIMICA UNA LETTURA DI PRIMO LEVI 8/01/14

LA STORIA DEL MOSSAD 19/09/2013 Servizi e segreti

JACK LONDON CORRISPONDENTE DI GUERRA 13/8/13

COMUNISTI IN UN PAESE SBAGLIATO 22/5/13

UN RE AFGANO A ROMA 4/1/13

DOLCE ACQUA DEL DESERTO 3/1/13

LA SOLITUDINE DEL CORPO UMANO 9/12/12

IL 68 IN AFGHANISTAN E IL VINAIO DI KABUL 24/9/12

"AFGHANISTAN NELLA TEMPESTA" 10/4/12

LA "PRIMAVERA EGIZIANA" DI GIUSEPPE ACCONCIA 10/4/12

L'UOMO LASER 15/3/12

LA "PRIMAVERA EGIZIANA" DI GIUSEPPE ACCONCIA 10/4/12

LA PRIMAVERA EGIZIANA
e le Rivoluzioni in Medio Oriente

Prefazione di Massimo Cirri. Postfazione di Vincenzo Nigro

Giuseppe Acconcia

Euro 11.75

PP157

Infinito 2012

Emanuele Giordana

Martedi' 10 Aprile 2012

La genesi della rivoluzione al Cairo, la sua esplosione, le manifestazioni di piazza Tahrir, le violenze, le dimissioni del presidente egiziano Hosni Mubarak, la presa del potere da parte del Consiglio supremo delle Forze armate, le elezioni parlamentari e presidenziali, le conseguenze immediate e per il futuro dell’Egitto e del Medio Oriente.

Giuseppe Acconcia, giovane giornalista e ricercatore, che anche per Lettera22 ha scritto sull'Iran e il Medio Oriente (ora è alla London School of Oriental and African Studies a Londra) si trova in Egitto quando scoppia la primavera. Scrive da lì per Il Manifesto, Il Riformista, The Independent e Al Ahram e presta la sua voce a Radio3, Radio2 e a Rainews24 per raccontare quel che succede in piazza. La sua Primavera egiziana è però anche il racconto della sua vita al Cairo (e in Siria), forse la parte più preziosa dell'agile libretto, ben scritto e di piacevolissima lettura.

La penna di Acconcia corre così tra i vicoli, tra i banchi del pesce e delle spezie, nei quartieri poveri e in quelli ricchi, tra case fatiscenti e chiacchiere a suon di bicchieri di te. Nel seguire la rivoluzione (ben presto tradita) dei suoi coetanei. Acconcia restituisce un piccolo affresco del Cairo e un'atmosfera che la cronaca giornalistica non sempre riesce a dare. Reportage che si allunga su 150 pagine, la rivoluzione egiziana di Acconcia è il pretesto per rivelare l'anima di un viaggiatore attento e curioso. Che nel racconto delle piccole cose quotidiane riesce a comunicare la straordinaria vitalità che si sprigiona nelle sonnolente, ancorché caotiche, vie della capitale egiziana. Pre e post rivoluzionarie.



Powered by Amisnet.org