Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Gli sculaccioni dello zio Sam

L'ECO INTERNAZIONALE DEL MINISTRO TERZI 16/3/13

INDISCRETO: LA NATO O FINMECCANICA? 8/12/12

DI PAOLA E IL VETO DI LA RUSSA 26/11/11

IL MINISTRO IN MIMETICA E LA FONDAZIONE CUTULI 8/4/2011

UN CONSIGLIERE MILITARE PER FRATTINI 11/2/11

L'UOMO CHE RIDEVA TROPPO E IL CIRCOLO DELLA CACCIA 9/3/10

AFGHANISTAN, LA UE SILURA IL CANDIDATO ITALIANO 23/2/10

GLI IMBARAZZI DI EIKENBERRY 22/11/09

VERSO L'INCORONAZIONE DI KARZAI 6/11/09

FARNESINA, PIANI ALTI SENZA FIRMA 8/10/09

E SE AUNG SAN SUU KYI CHIEDESSE IL VISTO ALL'ITALIA? 15/5/09

PEACEKEEPING, LA MATEMATICA DI SILVIO E QUELLA DI GEORGE 13/6/08

ESTERI/IL VALZER DEI SOTTOSEGRETARI 1/5/08

SE IL BUON ESEMPIO NON E' PIU' UNA VIRTU' 9/4/08

DI PAOLA E IL VETO DI LA RUSSA 26/11/11

Prima dell'Ammiraglio già a capo del Comitato militare della Nato (nella foto), la scelta era caduta su Vincenzo Camporini preferito a Mosca Moschini. Ma l'ex ministro disse no


Sabato 26 Novembre 2011

Non fu soltanto la contrarietà di Giorgio Napolitano, che non voleva dare l'impressione di “pilotare” le scelte di Palazzo Chigi dal Colle, a bloccare la nomina a ministro della Difesa del generale Rolando Mosca Moschini, dal 2006 consigliere militare del presidente della Repubblica. E non fu quella di Giampaolo Di Paola.

la prima carta da giocare venuta in mente al premier incaricato Mario Monti.
Una volta deciso che non sarebbe toccato a Mosca Moschini, la scelta era caduta su Vincenzo Camporini, il penultimo capo di Stato maggiore della Difesa, in seguito passato alla Farnesina come consigliere di Frattini (e attualmente vice presidente dello Iai, l'istituto italiano di studi internazionali fondato da Altiero Spienlli e diretto da Stefano Silvestri ed Ettore Greco).

Il fatto è che sul nome di Camporini, dicono i bene informati, era immediatamente calata la mannaia del veto dell'ormai ex titolare della Difesa, l'ex “ministro in mimetica” Ignazio La Russa. L'ex Alleanza Nazionale ed ex Msi pare sia stato irremovibile: tutti ma non Camporini, l'uomo che, quando era capo di Stato maggiore, aveva osato qualche volta dirgli “signornò”. Benché Camporini goda di stima professionale e politica nei diversi schieramenti politici e sia indubbiamente un “tecnico” di valore che conosce sia la macchina della Difesa, sia quella degli Esteri, La Russa, scontratosi in più occasioni con lui quand'era in servizio in Via XX settembre, l'ha avuta vinta. Dunque Ignazio La Russa almeno una vittoria politico-militare può adesso appuntarsela sul maglione (tanto per ricordare la più recente polemica sul suo abbigliamento casual, preferito, in alcuni casi alla mimetica).



Powered by Amisnet.org