Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


GLI ISLAMISTI BLOCCANO ISLAMABAD

Occhio per occhio, stupro per stupro

Edhi, il benefattore privato con un occhio alla cosa pubblica

PUGNO DI FERRO DOPO LAHORE

PAKISTAN, STRAGE A PASQUA

NUOVA STRAGE A SCUOLA IN PAKISTAN

IL GRANDE GIOCO IN PAKISTAN

LA GUERRA INFINITA DI PAKISTAN E AFGHANISTAN

Seymour Hersh e la morte di bin Laden

Giustizia per Malala ma non per tutti

L'"ERRORE" CHE HA UCCISO GIOVANNI LO PORTO

PESHAWAR, IL GIORNO DOPO

PESHAWAR, CRONACA DI UN MASSACRO

STRAGE DI WAGAH, NUOVI GRUPPI VECCHIE STRATEGIE 3/11/14

DOMENICA DI SANGUE A KARACHI 10/6/14

OSAMABIN LADEN, VIVO O MORTO! 3/4/2011

Qualche dubbio sulla scomparsa dello sceicco del terrore

Emanuele Giordana

Domenica 3 Aprile 2011

Osama bin Laden è morto! Ma quel punto esclamativo potrebbe anche essere un punto interrogativo. O meglio, bin Laden è morto di sicuro. Ma forse assai prima del suo recente funerale. Dietrologia? Può darsi ma qualche dubbio è legittimo semplicemente perché un uomo vivo non si comporta di solito da cadavere. Facciamo un passo indietro.

Il video della grande ricomparsa di bin Laden per dimostrare che è ancora vivo, dopo la fuga in Pakistan, data al 2003: lo sfondo sono le montagne del Waziristan ancora poco note. Con lui c'è il fido Ayman Muhammad Rabaie al-Zawahiri, suo secondo e medico egiziano, eterna spalla nonché raccoglitore del testimone jihadista. Ma quello che sembra essere il suo vero ultimo video, con una sorta di testamento spirituale, è del 2004: vi appare stanco e provato, la barba sempre più brizzolata, l'occhio spento, la voce stentorea nonostante un copricapo bianco da mullah, una veste dorata da sceicco su un'elegante camicia bianca. Non è il guerrigliero che, appoggiandosi al bastone, cammina come un mujaheddin tra le montagne wazire nell'area tribale pachistana. E' la coscienza rivoluzionaria dei veri musulmani, il testimone di Allah, l'uomo mito, seppur invecchiato, del jiahdsimo

Poi Osama scompare. Solo messaggi audio su cui si sollevano i primi dubbi. Non è che la voce che si sente, e che pare la sua, sia un complicato montaggio di parole forse addirittura e con preveggenza registrate ante mortem? Perché non appare più? L'uomo è malato, ha bisogno di dialisi e forse è davvero già morto. Quel silenzio rotto da messaggi audio controversi ne sembra la prova almeno fino al 2007 quando ricompare in video. Il vestito è lo stesso del 2004, uguale è il copricapo ma la barba è nera, il viso è disteso e giovanile e il messaggio sembra in realtà quello di un uomo che, semplicemente, gli somiglia. E lascia esterrefatti che sia di pessima qualità quello stano video come se proprio una qualità cattiva dei fotogrammi servisse a nascondere le fattezze di un sosia. Anche la barba giovanile sembra fatta apposta per trarre in inganno. Una vicenda che rimanda al mistero mai chiarito, a un giallo che continua. Bin laden è vivo o morto? Nel novembre del 2007, prima della sua morte per mano talebana, Benazir Bhutto, durante un'intervista televisiva, sostiene che bin Laden è stato ucciso. Lo dice con grande sicurezza e l'intervistatore nemmeno pare accorgersene. Ma tutto finisce lì.

Insomma il mistero resta e sembra restare anche adesso. Secondo le notizie di questi giorni la casa di bin Laden era sotto osservazione da quattro anni. Poi si decide il raid e...sorprendentemente, bin Laden viene ucciso. L'uomo che sa tutto non può più parlare, essere giudicato o estradato. Il corpo sparisce di nuovo avvolto nel mistero: una strana scelta per un uomo che rischia di diventare un martire. La domanda dunque ritorna. L'uomo ucciso domenica in Pakistan è veramente Osama bin Laden o questo era il momento più opportuno per celebrarne la morte?

Anche su Terra

Ascolta il servizio audio su Ecoradio



Powered by Amisnet.org