Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


UMANITARI CON UN OCCHIO AL MERCATO

COOPERAZIONE, LUCI E OMBRE SECONDO IL CINI

LEGGE SULLA COOPERAZIONE: UN DDL DA MIGLIORARE

ONG ITALIANE: ALLARGARE L'ORIZZONTE 24/7/13

MSF: LE CRISI UMANITARIE DIMENTICATE DAI MEDIA 15/05/12

FIDUCIA A RICCARDI DALLE ONG 1/3/12

TRE GIORNI DI FORUM INTERNAZIONALE SULLA COOPERAZIONE DECENTRATA 15/6/2011

SOCIETA' CIVILE IN AFGHANISTAN, PRESENTAZIONE A ROMA IL 23/2/11

EMERGENZA SICCITA' IN SOMALIA, L'APPELLO DI INTERSOS 14/02/2011

AFGHANISTAN, FIELDS (SIGAR) LASCIA 12/1/11

OBIETTIVI DEL MILLENNIO: LE ONG SI MOBILITANO SUL WEB 9/04/10

IL TIMONE DELLE ONG ITALIANE A FRANCESCO PETRELLI 16/3/10

LA RISPOSTA DI AGIRE ALL'EMERGENZA DI HAITI 24/02/10

CI RISIAMO, PC VS MAE, IL CASO DI HAITI 4/2/10

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE: NUOVI INGREDIENTI, NUOVI PROTAGONISTI 5/12/09

AFGHANISTAN, FIELDS (SIGAR) LASCIA 12/1/11

Si dimette l'Ispettore speciale generale per la ricostruzione in Afghanistan. Tra le polemiche

Em. Gio.

Mercoledi' 12 Gennaio 2011

Il generale americano Arnold Fileds si è dimesso dalla carica di Ispettore speciale generale per la ricostruzione in Afghanistan, incarico che era stato chiamato a rivestire nel 2008 e che fu riconfermato dall'Amministrazione Obama. Lo Special Inspector General for Afghanistan Reconstruction (Sigar) riferisce direttamente ai titolari di Difesa ed Esteri e, ciclicamente (ogni quattro mesi), al Congresso degli Stati uniti.

Secondo ToloNews la decisione non sarebbe motivata da spinte o richieste esterne né equivarrebbe a un licenziamento. Fileds però si è dimesso dopo le critiche mosse nei suoi confronti da diversi membri del Congresso che lo hanno accusato di scarsa aggressività nei confronti di una spesa per le attività civili attualmente sotto tiro e considerata eccesiva e di cui Filed non ne avrebbe saputo garantire la tracciabilità.

Nelle ultime settimane le voci di dissenso sul suo operato si sono mescolate alle preoccupazioni per il futuro della cooperazione civile americana in Afghanistan, costata sinora circa 56 miliardi di dollari dal 2002 e che i repubblicani vorrebbero drasticamente ridimensionare.

Leggi sul sito di Sigar il suo profilo



Powered by Amisnet.org