Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


UNA DISPERATA VITALITA'.IL PASOLINI DI FABIO MORGAN 2/2/12

SE L'AUTORE DETTA LEGGE 8/12/11

DOLLIRIO, UNA STORIA QUASI VERA 13/11/11

VALLE OCCUPATO: UNA CASA CHE NARRA SE STESSA (MA NON E'IL GRANDE FRATELLO) 30/10/11

L'AGRIMENSORE TRA I CARTONI 14/10/11

CLAUDIO MORGANTI ALLA PORTA DELL'INFERNO 22/07/11

UNA DISCESA NEL MAELSTROM IL TEATRO AURATICO DI MASSIMILIANO CIVICA 4/7/11

L'ARTE E L'ACCATTONAGGIO. GLI ESERCIZI DI ANDREA COSENTINO 9/2/11

L'OLTRANZA DELLE IMMAGINI IL PROMETEO DI ALBERTO DI STASIO 2/2/11

LE VOCI DI FUORI DI DARIO AGGIOLI 7/05/10

ALESSANDRA CRISTIANI, IL CORPO E IL SEGNO 13/04/10

LA METAFORA VIOLENTA DEL TEATRO DI NASCOSTO 2/3/10

RAVENHILL 1/ LAGGIU' QUALCUNO NON CI AMA 20/02/10

RAVENHILL 2/ LA GUERRA E' PACE, OVVERO COME SI COSTRUISCE UNA NAZIONE NELL'ERA DELL'IMPERO DEL BENE 20/02/10

MIRAGGI DELLA DANZA 16/02/10

LA METAFORA VIOLENTA DEL TEATRO DI NASCOSTO 2/3/10

Nel giorno dello sciopero dei migranti la provocazione dell'Hidden Theatre di Pontedera al Palladium di Roma

Emanuele Giordana

Martedi' 2 Marzo 2010

E' così difficile fare gli spettatori quando gli autori e gli attori chiedono al pubblico di intervenire in scena. Succede a teatro, al circo, nelle fiere paesane. Se tocca a voi vi sembra di subire una piccola violenza ma alla fine ci state – vi tocca starci - sperando di evitare la brutta figura. Ma “Ricordi lontani/Oggi” in scena ieri sera al Palladium di Roma per la regia di Annet Henneman (nell'immagine) è qualcosa di più e di peggio dell'ipnotizzatore che vi abbaglia o del prestigiatore che vi fa uscire un uovo dal collo della camicia. In questo spettacolo non siete invitati a partecipare: siete violentemente sbattuti in scena, siete la scena stessa.
Vi sbatacchiano urlando, trattandovi male, insinuandovi lo stesso dannato fastidio che avevate provato quando a scuola vi obbligavano a rifare la corda, quando in caserma vi ordinavano di andare in camerata, quando in collegio o in “colonia” (chi se le ricorda ancora?) dovevate fare la fila per la doccia e guai a chi sgarra. Ma non avevate ancora provato a essere clandestini. A essere fotografati contro un muro, a sentirvi richiedere una carta che non capite cosa sia, apostrofati con rudezza in una lingua che non è la vostra mentre perdete il contatto con vostra moglie o vostro figlio. Questi teatranti che giocano con la parte più intima di voi – la vergogna – vi fanno sentire dei burattini collettivi e la finzione funziona. Lo scopo è mettervi nei panni del lavavetri che avete appena evitato all'angolo o del magrebino cui avete concesso oggi pomeriggio una goccia di buon cuore da 20 centesimi. Essere l'uomo, la donna, che ha dovuto avere pazienza, restare in silenzio, non sapere se è sì o no, se si è stati più fortunati del compagno vicino.
Non c'è bisogno di essere picchiati a sangue, torturati o addirittura uccisi. L'umiliazione è una tortura a volte peggiore, più profonda perché, solo apparentemente, più civile. Così la piece centra l'obiettivo. E l'obiettivo siete voi che, strattonati fuori dal teatro mentre una cattivissima kapò vi urla di uscire, avete anche dimenticato la scarpina di cachemire sulla poltrona del Palladium.



Palladium Roma: Teatro di Nascosto / Hidden Theatre
RICORDI LONTANI /OGGI Ricordi di guerra ed oppressione, di viaggi della speranza per una vita migliore in un paese sconosciuto...Regia di Annet Henneman

con: Francesca Anzelmo, Cinzia Cacace, Gianni Calastri, Stefano Galieni, Flavia Gallo, Annet Henneman, Ridvan Ozman Rodi, Antonio Stinelli, Nur Mohamed Yashedi



Powered by Amisnet.org