Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


UMANITARI CON UN OCCHIO AL MERCATO

COOPERAZIONE, LUCI E OMBRE SECONDO IL CINI

LEGGE SULLA COOPERAZIONE: UN DDL DA MIGLIORARE

ONG ITALIANE: ALLARGARE L'ORIZZONTE 24/7/13

MSF: LE CRISI UMANITARIE DIMENTICATE DAI MEDIA 15/05/12

FIDUCIA A RICCARDI DALLE ONG 1/3/12

TRE GIORNI DI FORUM INTERNAZIONALE SULLA COOPERAZIONE DECENTRATA 15/6/2011

SOCIETA' CIVILE IN AFGHANISTAN, PRESENTAZIONE A ROMA IL 23/2/11

EMERGENZA SICCITA' IN SOMALIA, L'APPELLO DI INTERSOS 14/02/2011

AFGHANISTAN, FIELDS (SIGAR) LASCIA 12/1/11

OBIETTIVI DEL MILLENNIO: LE ONG SI MOBILITANO SUL WEB 9/04/10

IL TIMONE DELLE ONG ITALIANE A FRANCESCO PETRELLI 16/3/10

LA RISPOSTA DI AGIRE ALL'EMERGENZA DI HAITI 24/02/10

CI RISIAMO, PC VS MAE, IL CASO DI HAITI 4/2/10

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE: NUOVI INGREDIENTI, NUOVI PROTAGONISTI 5/12/09

CI RISIAMO, PC VS MAE, IL CASO DI HAITI 4/2/10

Ministero degli Esteri o Protezione civile? Competenze di cooperazione internazionale: chi fa cosa e perché? Un documento di Intersos, di cui pubblichiamo un estratto, riapre un dibattito in sordina che torna di moda a ogni (grande) emergenza

Giovedi' 4 Febbraio 2010

Le emergenze internazionali hanno suscitato, nell’ultimo decennio, l’attenzione di molti soggetti istituzionali che, in modo spesso disorganico e scoordinato, si sono mossi per portare la ‘loro parte’ di soccorso e solidarietà. L’umana commozione e stata talvolta rafforzata da esigenze di visibilità e protagonismo politico, fino all’occupazione di spazi istituzionali non propri.
INTERSOS, organizzazione umanitaria per le emergenze, ha potuto seguire negli anni queste problematiche. Ha quindi sentito l’esigenza di aprire, senza alcun intento polemico, un’attenta riflessione in merito, fornendo elementi di conoscenza e di analisi su una materia che tocca così profondamente i sentimenti degli italiani.
L’attenzione è stata in particolare posta sugli ultimi anni, sull’evoluzione della normativa, sulle sue modifiche o singolari interpretazioni e quindi sul cambiamento dei ruoli istituzionali negli interventi umanitari per fronteggiare le emergenze all’estero. Ne è uscito un articolato documento che concentra l’attenzione soprattutto sulle competenze del Ministero degli affari esteri e del Dipartimento della protezione civile, dimostrando come, in questa materia, le legge vigente sia sistematicamente svilita da ripetute ordinanze e perfino da semplici commi inseriti in ordinanze di tutt’altro contenuto. Sembra anche che la stessa Amministrazione degli Esteri non abbia saputo o voluto difendere le proprie prerogative che invece negli altri paesi europei sono severamente difese.
Il documento si articola in trenta paragrafi ed e suddiviso in cinque parti: a) la risposta italiana alle emergenze internazionali; b) i compiti istituzionali del Ministero degli affari esteri e della Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo; c) i compiti istituzionali e le aspirazioni del Dipartimento della protezione civile; d) l’utilità dell’intervento della protezione civile anche nelle calamità internazionali e i suoi limiti; e) le possibili sinergie tra i due attori istituzionali e tra questi e le organizzazioni non governative.
Il quadro legislativo in materia di soccorso all’estero e estremamente chiaro e ne stabilisce la competenza al Ministero degli affari esteri, il cui ministro “promuove e coordina nell’ambito del settore pubblico, nonché tra questi e il settore privato, programmi operativi e ogni altra iniziativa”, compresi “l’invio di missioni di soccorso … interventi imperniati sulla sanita … le infrastrutture di base … indispensabili per l’immediato soddisfacimento dei bisogni fondamentali dell’uomo in aree colpite da calamita …” E’ prevista anche l’intesa con il Dipartimento della protezione civile per la realizzazione degli interventi.
Per Haiti, ancor più che per lo Sri Lanka, vi e stato un radicale ribaltamento. Un’ordinanza del Presidente del Consiglio ha di fatto annullato lo spazio e l’azione del Ministero degli esteri con l’affidamento del coordinamento di tutti gli interventi pubblici al Dipartimento della protezione civile, insieme alla dotazione di un fondo operativo e la possibilita di agire in deroga alle disposizioni della contabilita dello Stato. Cio che e stato negato al Ministero per legge preposto agli interventi di cooperazione e di emergenza all’estero, viene concesso ad altra istituzione, benemerita ma con competenze istituzionali diverse, anche se talvolta operativamente coincidenti con quelle affidate per legge ad altra istituzione.
L’esigenza di analizzare, approfondire e fare chiarezza deriva proprio dal fatto che qualcosa, nel cammino fatto finora, va forse rivista. Ed e bene farlo presto, anche per sapere quale istituzione parteciperà alla conferenza dei Paesi donatori per la ricostruzione di Haiti nel prossimo mese di marzo: il Ministero degli esteri/D.G. Cooperazione allo sviluppo o la Presidenza del Consiglio/Dipartimento della protezione civile?



Powered by Amisnet.org