Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


MARIO DONDERO, SEMPLICEMENTE FOTOGRAFO

CIVIL SOCIETY MEETING AT KABUL UNIVERSITY

BOMBE ITALIANE NEL GULISTAN 2/3/13

DAL MOLIN, FUMATA ROSSA A VICENZA 8/12/12

LE STORIE BALCANICHE DI BOCCIA, DOMANI A FIRENZE

LA POVERTA' NON E' UNA FAVOLA 25/11/09

BENVENUTI A RADIO3 LUNEDI 9/11/09

IL MEDIO ORIENTE E L'EUROPA 13/10/09

SAMOA RISORGE DALLA MACERIE 7/10/09

ARGENTINA, IL BINARIO MORTO DEL LIBERISMO 15/09/09

IN MEMORIA DI PERON 1/09/09

NON SOLO SPONSOR: LE ROTTE POCO NOTE DELLA VELA 28/07/09

AFFERRA LA PREDA 23/1/09

STUDENTI E POLIZIA DAVANTI AL SENATO 23/10/08

REPORTAGE CUBANO 15/10/08

LA POVERTA' NON E' UNA FAVOLA 25/11/09

Mercoledi' 25 Novembre 2009

I leader del G7 indifferenti alla povertà nel Sud del mondo nei panni dei sette nani ballano e giocano nell’azione dimostrativa che la Coalizione Italiana contro la Povertà (Gcap) ha organizzato oggi a Roma in Piazza del Popolo. Non sono riusciti a raggiungere un numero gigante, lo 0,7%, la percentuale del PIL che i sette paesi più industrializzati hanno promesso di destinare all’aiuto ai paesi in via di sviluppo entro il 2015. I G7-nani rivelano la loro bassa “statura” politica!
La povertà non è una favola: i G7-nani giocano invece di agire!Il Parlamento italiano, nella Finanziaria, mantenga le promesse sull’aiuto allo sviluppo.

PER SAPERNE DI PIU’Nel 2005, le sette nazioni più ricche del mondo (il G7) hanno promesso di stanziare 50 miliardi in più di aiuti pubblici allo sviluppo (Aps). Impegno ribadito anche a L’Aquila. Ma il G7 è ben lontano dal mantenerlo e l’Italia è nelle ultime posizioni. Come gli altri paesi dell’Unione europea, l’Italia si è inoltre impegnata a destinare lo 0,51% del PIL all’aiuto pubblico allo sviluppo entro il 2010. Passo intermedio per arrivare allo 0,7% entro il 2015. Ma le stime rivelano che nel 2009 raggiungerà un misero 0,16%. La Gcap chiede ai parlamentari di emendare il testo delle Legge Finanziaria 2010 presentata dal Governo per incrementare gli aiuti al sud del mondo e di presentare un piano di riallineamento. L’Italia ha un’ultima chance per cambiare rotta e dimostrare che intende mantenere la sua parola davanti al mondo.



Powered by Amisnet.org