Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


MARIO DONDERO, SEMPLICEMENTE FOTOGRAFO

CIVIL SOCIETY MEETING AT KABUL UNIVERSITY

BOMBE ITALIANE NEL GULISTAN 2/3/13

DAL MOLIN, FUMATA ROSSA A VICENZA 8/12/12

LE STORIE BALCANICHE DI BOCCIA, DOMANI A FIRENZE

LA POVERTA' NON E' UNA FAVOLA 25/11/09

BENVENUTI A RADIO3 LUNEDI 9/11/09

IL MEDIO ORIENTE E L'EUROPA 13/10/09

SAMOA RISORGE DALLA MACERIE 7/10/09

ARGENTINA, IL BINARIO MORTO DEL LIBERISMO 15/09/09

IN MEMORIA DI PERON 1/09/09

NON SOLO SPONSOR: LE ROTTE POCO NOTE DELLA VELA 28/07/09

AFFERRA LA PREDA 23/1/09

STUDENTI E POLIZIA DAVANTI AL SENATO 23/10/08

REPORTAGE CUBANO 15/10/08

SAMOA RISORGE DALLA MACERIE 7/10/09

Foto di Jane Ussher/Oxfam

G.C.

Mercoledi' 7 Ottobre 2009

Samoa - Lima, 12 anni, lavora duro con la sua famiglia per rimuovere i detriti che lo tsunami ha sparso ovunque. Gli abitanti del Pacifico cercano di risollevarsi dalla distruzione seminata dalla grande onda. La furia dell’oceano ha colpito il 29 settembre Samoa, le Samoa americane e Tonga. Le onde, alte almeno cinque metri, hanno ucciso oltre 170 persone. Dal villaggio samoano di Saleaumua, Janna Hamilton, operatrice umanitaria di Oxfam, scrive: “Dove prima c’erano le fales, le tradizionali abitazioni samoane, rimangono solo le fondamenta di forma rettangolare. Tetti di lamiera attorcigliati sono sparsi per centinaia di metri, le automobili sono ammaccate e capovolte, piene di fango e detriti”. Segni di una devastazione che i sopravvissuti tentano di rimuovere in fretta, in cerca di una difficile normalità.



Powered by Amisnet.org