Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


Presidio contro la guerra a Milano

VIGILIA DIFFICILE PER IL WARGAME DELLA NATO

A TRIESTE DIVISI DA UNA DATA, 1 MAGGIO O 12 GIUGNO?

21 OKTOOBAR, I MISTERI DI MOGADISCIO

CASO BOSIO, LA FARNESINA LO SOSPENDE 8/4/14

MADEINITALY/RANAPLAZA, IL SENATO CHIEDE CONTO 4/4/14

CARO SINDACO TI SCRIVO. I DUBBI SULLA NUOVA MOSCHEA DI MILANO 17/2/14

AL VIA IL "SISTEMA PAESE IN MOVIMENTO" 17/11/13

LA GRANDE MUTAZIONE. AL VIA IL QUINTO SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 31/10/13

ALLA SAPIENZA ASPETTANDO IL 19 OTTOBRE 16/10/13

AMNESTY: DIRITTI AL CENTRO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE, MA TRA VECCHI VIZI E TABÙ 27/9/13

MANCONI SUL GIALLO DEL CABLO SHALABAYEVA 21/7/13

ITALIA/KAZAKISTAN, ASPETTANDO ALMA 14/7/13

KAZAKISTAN, MARCIA INDIETRO DEL GOVERNO 13/7/13

ESPULSIONE O RENDITION? LA TRAMA OSCURA DIETRO LA STORIA DI ALMA 11/7/13

LIBIA ITALIA, L'ACCORDO MILIONARIO PRELUDE A GRANDI AFFARI 1/9/09

Dietro le polemiche sui respingimenti e sui festeggiamenti di 40 anni di regime, gli accordi che favoriscono il Belpaese

A sinistra la banconota libica che raffigura Omar el Mukhtar

Luciano Bertozzi

Martedi' 1 Settembre 2009

Berlusconi e Gheddafi hanno festeggiato solennemente il primo anniversario del Trattato di cooperazione fra i due Paesi, che sana le ferite del passato coloniale. L’accordo prevede, infatti, una sorta di risarcimento di 5 miliardi di dollari spalmati in 20 anni, al costo annuo di 250 milioni a carico del contribuente italiano. La montagna di soldi consentirà grandi opportunità alle nostre imprese per realizzare notevoli affari, a condizioni particolarmente favorevoli.
Non a caso l’inquilino di Palazzo Chigi ha posato la prima pietra della lunghissima autostrada (1.600 km) che attraverserà tutta la costa dell’ex quarta sponda, unendo la Libia a Tunisia ed Egitto.
A suggello di un matrimonio contratto per esclusivi motivi economici, nelle stesse giornate della visita del Presidente del Consiglio italiano è giunta la notizia dell’ennesimo respingimento in mare, da parte delle nostre navi, di decine di migranti eritrei e somali, tutti potenziali richiedenti lo status di rifugiati politici o di protezione umanitaria. Ma nonostante le “preoccupazioni” e le proteste di altri esponenti di organismi internazionali, Berlusconi, come il Ministro Maroni, ha assicurato che la linea non cambia.
Altre parti dell’Accordo sono in via di attuazione, ad esempio esercitazioni militari congiunte, confermate dal Ministro della Difesa La Russa e dal secondogenito di Gheddafi. Il settore militare è uno dei comparti che beneficerà particolarmente del nuovo idillio. Ricordiamo che l’art.20 è finalizzato a sviluppare la collaborazione fra le rispettive Forze Armate e ad “agevolare la realizzazione di un forte ed ampio partenariato industriale nel settore della Difesa  e delle industrie militari”. Del resto Finmeccanica ha impiantato, da tempo, fabbriche di elicotteri in Libia creando un’apposita joint venture, italo-libica, la LIATEC
In tal modo si consentirà di creare un’industria aeronautica locale, con possibilità di esportare in altri Paesi africani e mediorientali, rendendo più difficile la lotta alla proliferazione delle armi.
Altro capitolo in via di realizzazione è il controllo elettronico delle frontiere meridionali, in altre parole Finmeccanica ha avuto l’appalto, finanziato al 50% dai contribuenti italiani e per il restante 50% dall’Unione Europea, per rendere meno poroso il passaggio del Sahara ai disperati che lo attraversano in cerca di una vita migliore da realizzare in Europa. . E’ evidente che ciò si tradurrà in un aumento delle sofferenze per tanti disperati, che fuggono dai regimi della fame e della paura, con il sostegno delle democrazie occidentali.
Berlusconi, unico statista europeo non ha avuto perplessità ad essere presente a Tripoli alla vigilia alle feste del quarantennale della presa del potere del Colonnello, che spedì i missili su Lampedusa e proprio a pochi giorni dall’aver ricevuto come un eroe  Abdelbaset al-Meghrahi uno dei terroristi responsabili della strage di Lockerbie, provocando con la caduta di un Boeing 747 quasi trecento vittime e rilasciato secondo la stampa britannica ”per aver tutelato un affare petrolifero”. Ai  festeggiamenti per il golpe di Gheddafi saranno presenti, fra i Presidenti africani, anche quello sudanese, El Bashir incriminato dal Tribunale Penale Internazionale per crimini contro l’umanità. (peraltro ricevuto a Roma, prima dell’incriminazione, dall’allora Presidente Prodi). Non solo secondo l’africanista del Corriere della Sera, Alberizzi, presenzierebbe alla festa anche il capo  riconosciuto dei pirati somali Mohammed Abdi Hassan Hayr Afweyne, che fra l’altro si è impossessato del cargo ucraino Faina, con 33 carri armati destinati al Sud Sudan.
Non è il caso, del resto, di fare tanto i difficili, gran parte della benzina che mettiamo nelle nostre automobili viene dalla Libia. L’Eni grazie ai rapporti privilegiati di Roma con Gheddafi, ha siglato recentemente un proficuo contratto che ci assicura tutto il petrolio ed il gas necessari..Da ultimo a fine luglio Finmeccanica e d il fondo sovrano libico LIA hanno siglato un accordo per sviluppare una cooperazione strategica in Africa e Medio oriente nei settori dell’aerospazio, dell’elettronica, dei trasporti e dell’energia. Un affare del valore di molti miliardi di dollari ed è auspicabile che non interessi il comparto militare.
In questa situazione si assiste al teatrino della politica, le opposizioni dopo aver disciplinatamente approvato, con rare eccezioni, il trattato italo-libico, gridano allo  scandalo. In realtà uno dei problemi sollevati dai parlamentari radicali  è sapere se le Frecce Tricolori che si sono esibite a Tripoli per l’occasione sono state pagate da Roma o dai libici. In realtà bisogna decidere se a prevalere debbono essere i diritti fondamentali ed inalienabili  o gli affari. Attualmente quasi nessuno mette in discussione, però, il vecchio detto latino “pecunia non olet”. Speriamo che l’opposizione cambi atteggiamento e si apra un dibattito nel Paese per imporre il puntuale rispetto delle libertà fondamentali, in tutti i Paesi, anche in  vista del secondo compleanno del Trattato che si festeggerà a Roma fra un anno.



Powered by Amisnet.org