Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


PALESTINA, AFFARI DI FAMIGLIA O AFFARI DEL MONDO? 22/9/11

SE GLI ARCHIVI PARLANO 19/9/11

SE GLI ARCHIVI PARLANO 19/9/11

TERRA E LIBERTA' 15/9/11

I FRUTTI DELLE RIVOLUZIONI: STRETTA DI MANO HAMAS-FATAH AL CAIRO 28-4-11

PALESTINE PAPERS. STORIA DI UNA CAPITOLAZIONE 24/1/11

"MA CHE CI STA SUCCEDENDO?". ISRAELE VISTA DAGLI ISRAELIANI 17/1/11

HUMOUR ALLA GEROSOLIMITANA 11/1/11

BIDEN E RAMAT SHLOMO 10/3/10

OXFAM, GAZA WEEKLY UPDATE 14/01/10

JERUSALEM BLUE 21/11/09

OBAMA, IL NOBEL E GLI ARABI 9/10/09

IL PRIMA E IL DOPO GAZA NELLE CONSTITUENCY DI HAMAS 6/10/09

GERUSALEMME, SEGNALI PERICOLOSI

LA ECO-SCUOLA DEGLI JAHALIN 31/08/09

GERUSALEMME, TRASLITTERAZIONI (POLITICHE) 13/7/09

Decisione delle autorità israeliane: sui segnali stradali, i nomi delle città sono solamente traslitterazione dall'ebraico

Paola Caridi

Lunedi' 13 Luglio 2009
La politica passa anche attraverso i segnali stradali. Soprattutto in un posto come questo. E così, non sorprende la decisione delle autorità israeliane di ebraizzare i nomi delle città e dei quartieri sui cartelli stradali, quando si tratta di tradurli in inglese, ma in particolare in arabo. Per intenderci, da ora in poi Gerusalemme, che in arabo è Al Quds, diventerà sui cartelli stradali Yerushalaim, che è la versione ebraica. A dire il vero, c'è già la traslitterazione di Gerusalemme dall'ebraico in arabo: basta percorrere la numero 1, l'autostrada che collega Tel Aviv a Gerusalemme. Solo che ora riguarderà tutto il territorio israeliano. Con buona pace non solo della memoria, ma anche dell'identità e - per quanto riguarda Gerusalemme - di quello che il diritto internazionale statuisce, e che cioè Gerusalemme est (Al Quds al Sharqiya) è occupata. Basterà cambiare un segnale stradale per cambiare tutto il resto?

Leggi la notizia sul sito di Yediot Ahronot

Aggiornamenti anche sul blog di Paola Caridi, invisiblearabs



Powered by Amisnet.org