Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


SCONFINAMENTI A CERTALDO IL 30 OTTOBRE

I 25 ANNI DI LETTERA22 AL SALONE DELL'EDITORIA SOCIALE 2-3 NOVEMBRE

RICORDO DI DONDERO, A BERGAMO 11 MARZO

Guerra e bambini: un'iniziativa a Milano l'8 giugno

CONOSCERE LA GUERRA. A UDINE IL 20 FEBBRAIO

CONVEGNO DI STUDI SULL’AZERBAIGIAN E LA REGIONE DEL CASPIO

ATLANTE DELLE GUERRE, LA SESTA EDIZIONE

TRENTO: CONVEGNO DI STUDI SULL’AZERBAIGIAN

IL MONDO SCONVOLTO DALL'IS ALL'UCRAINA

DUE GIORNI DI DIALOGO AD ASSISI IL 14 E 15 APRILE

GLI STRANI FIORI DEL PAKISTAN, A ROMA 8 /2/14

COSA NE PENSANO GLI AFGANI, RICERCA DI "AFGANA" A ROMA IL 16/12/13

AFRICA E SOLIDARIETA', A GENOVA 14-16/11/13

A CHE SERVE L'UMANITARIO? UN CONVEGNO A ROMA il 21/11/13

PRIMAVERE ARABE, A ROMA 11/11/13

IN ITALIA LA SOCIETA' CIVILE IRACHENA DAL 31/3 AL 7/4

Dal 25 al 31 marzo rappresentanti della società civile irachena si incontreranno in Italia con esponenti di associazioni italiane e internazionali nella prima Conferenza della società civile irachena

dal 31/3/09 al

Martedi' 7 Aprile 2009
Organizzato da Un ponte per...


A 6 anni dalla guerra:

- I diritti basilari all’acqua e all’alimentazione, alla educazione, alla salute sono negati alla gran parte della popolazione
- La libertà sindacale è tuttora negata dalla legge sul sindacato unico di Saddam Hussein, la libertà di associazione è sotto tutela., la libertà di stampa è impraticabile..
- I diritti delle donne hanno fatto enormi passi indietro. La nuova costituzione, approvata sotto l’occupazione americana, nega la parità di genere.
- Arresti arbitrari, detenzioni senza processo, esecuzioni extragiudiziali, torture sono ancora all'ordine del giorno
- Nonostante il calo della violenza la vita di milioni di uomini e donne è ancora quotidianamente appesa ad un filo.

Ma c'è una società civile che resiste e continua a voler costruire un futuro che non sia solo la fine dell’occupazione statunitense, ma sia basato sui diritti di tutti e di tutte.

Si tratta di centinaia, migliaia, di sindacalisti, di attivisti delle associazioni per i diritti umani, delle reti di donne e delle organizzazioni studentesche, di militanti nonviolenti, medi attivisti, che tutti i giorni affrontano gravi pericoli per continuare ad affermare i diritti e che nessuno ascolta.

Circa 45 esponenti della società civile irachena (giornalisti, sindacalisti, donne, rappresentanti di ong, attivisti per la difesa dei diritti umani) si ritroveranno dal 25 al 31 marzo a Velletri (Rm) per la prima Conferenza della società civile irachena organizzata da Un ponte per… e da altre associazioni internazionali.

Obiettivo dell’incontro è quello di creare un piano di azione comune a sostegno dello sviluppo e del rafforzamento della società civile irachena. La Conferenza, nasce, infatti dalla necessità di capire meglio le esigenze e le priorità dell’ associazionismo iracheno per coordinarci meglio con loro, capire come calibrare le nostre azioni e le nostre iniziative. Una necessità sentita anche da altre associazioni internazionali con le quali Un ponte per… ha cooperato in Iraq o all’interno del movimento globale, che come noi si sonko posti la domanda di ‘come’ andare oltre la richiesta di ritiro delle truppe, di ‘come’ riuscire ad appoggiare al meglio le organizzazioni irachene.

L'OsservatorioIraq in collaborazione con Amisnet sequiranno da Velletri la Conferenza con interviste agli ospiti e approfondimenti.

Inoltre dal 31 marzo al 7 aprile, alcuni di questi attivisti gireranno l’Italia in una Settimana di incontri con la società civile irachena in cui parleranno della situazione in Iraq, vista con gli occhi della società civile e della loro attività per un Iraq libero e democratico.



Powered by Amisnet.org