Amisnet, Agenzia Radio Comunitaria Campagna Supporto 2005 Amisnet


BOSTON, I DUE FRATELLI CECENI, SRADICATI FIGLI DELLA DIASPORA 19/4/2013

MOSCA 20 ANNI DOPO: DALLE BARRICATE AI BLOG 10/10/11

Loulan Beauty - VIAGGIO NELL'ASIA DI MEZZO 15/12/10

SMOLENSK, MUORE LECH KACZINSKY

KIRGHIZISTAN: BAKIEV RESISTE NEL SUD, OPPOSIZIONE VOLA A MOSCA

KIRGHIZISTAN, BAKIEV: NON ME NE VADO, PARLIAMONE. OTUNBAIEVA RIFIUTA

ZHANNET LA KAMIKAZE DI MOSCA 3-4-10

CAUCASO E TERRORISMO, NON PIU SOLO "PISTA CECENA"

ATTENTATI MOSCA, VOCI DALLA LUBYANKA

STRAGE A MOSCA, TORNA IL TERRORE NEL METRO

START 2, FIRMA VICINA 25-3-10

RUSSIA IN PIAZZA, GIORNO DELL'IRA CONTRO PUTIN 21-3-10

CRISI MEDIORIENTE, A MOSCA IL QUARTETTO CONTRO NETANYAHU 20-3-10

RUSSIA. VOTO REGIONALE: QUALCOSA SI MUOVE? 16-3-10

KIRGHIZISTAN, RIVOLUZIONE ANTI-TULIPANI

PUTIN E I DIRITTI UMANI: "ANCHE L'EUROPA HA QUALCHE PROBLEMA" 7/2/09

Primo incontro di alto livello tra la Commissione Ue e il premier russo dopo la guerra in georgia e la crisi del gas. Pronti a rilanciare le proprie relazioni. Ma con qualche inciampo: libertà e diritti civili (foto:Spiegel)

Lucia Sgueglia

Sabato 7 Febbraio 2009
MOSCA – “Anche l’Europa ha problemi con i diritti umani” – è la risposta piccata di Vladimir Putin a Jose Manuel Barroso, ieri a Mosca con 9 Commissari dell’Unione per un incontro col premier russo. Che doveva segnare la ripresa dei “buoni rapporti” diplomatici tra Mosca e Bruxelles dopo la guerra in Georgia ad agosto, quella del gas con Kiev a gennaio. Parlando di crisi finanziaria mondiale, energia, sicurezza. Ma inevitabile, forse, che il tema delle libertà in Russia venisse fuori dopo i casi Beketov, Markelov e Baburina.
In mattinata, la delegazione era stata ricevuta dal presidente Medvedev al Cremlino (niente briefing per la stampa qui): focus, la ripresa dei negoziati sull’accordo di partneriato Ue-Russia, arenati da 5 mesi. Medvedev auspica una soluzione rapida, “produttiva, che costituisca una base per il summit Russia-Ue di maggio”. “La Commissione ha ricevuto un mandato netto dai 27”, raccoglie Barroso. Ma con zar Dmitri, i 10 pare abbiano parlato anche di diritti civili, accenna Barroso ai giornalisti mentre al suo fianco c’è Putin: «Nell'opinione pubblica europea c'è una certa preoccupazione legata ad avvenimenti recenti in Russia, come l'uccisione di alcuni giornalisti e difensori dei diritti umani”. Vladimir Vladimirovich sobbalza: «Barroso ha discusso questi temi al Cremlino ma è qui che fa le sue dichiarazioni. Non posso parlare a nome del presidente assente, ma permettete che vi ripassi la palla da parte del governo della Federazione Russa». Serio e compunto fin dall’inizio, Putin, presentatosi in sala stampa a fianco di un Barroso dal sorriso largo. Poi quell’”inciampo, cui l’ex zar ribatte secco: «Noi non siamo soddisfatti del modo in cui sono trattate le minoranze russofone nei Paesi baltici. Sappiamo che ci sono delle violazioni dei diritti degli immigrati nei paesi Ue. Conosciamo lo stato dei sistemi carcerari di alcuni stati. Anche noi abbiamo dei problemi. Speriamo che con l’Europa saranno discussi come un insieme». Poi chiosa: “Le regole devono essere uguali per tutti, citando anche il Kosovo.
Prova a mostrare ottimismo Barroso: “l’Unione auspica scambi aperti e privi di protezionismo con la Russia”, riportando l’accento su economia e commerci, vero cuore dei colloqui di ieri. Ma arriva un altro impasse, sull’energia: la concorrenza tra il progetto Nabucco sponsorizzato da alcuni paesi Ue per aggirare la Russia, e i gasdotti North e South stream voluti dal Cremlino, non creerà nuove tensioni? “Non ci siamo mai opposti a Nord e Sud Stream, sono dei progetti commerciali - spiega Barroso. - La Russia è un partner energetico cruciale per noi. Ma Bruxelles punta comunque alla diversificazione”. E scherza: “Negli ultimi mesi ho fatto un corso accelerato sulle pipeline, non ne sapevo quasi nulla”. Putin finalmente sorride, certo della sua competenza sul tema. E chiede agli osservatori Ue di monitorare il passaggio del metano via Ucraina fino a marzo.

Oggi su Il Messaggero



Powered by Amisnet.org